La disforia di genere non è una cosa sola

di J. Michael Bailey, Ph.D e Ray Blanchard, Ph.D

Pubblicato il 7 dicembre 2017 sul sito 4thwavenow 

Questo è il secondo di una serie di articoli scritti dai dottori Bailey e Blanchard; qui potete trovare il primo. Con il consenso degli autori Bailey e Blanchard lo pubblichiamo qui tradotto.


Michael Bailey è professore di psicologia alla Northwestern University. Il suo libro ‘The Man Who Would Be Queen’ (L’uomo che sarebbe diventato regina) fornisce un resoconto scientifico leggibile di due tipi di disforia di genere tra i maschi  ed è disponibile per il download gratuito qui.

Ray Blanchard ha conseguito la laurea in psicologia presso l’Università della Pennsylvania nel 1967 e il dottorato di ricerca presso l’Università dell’Illinois nel 1973. È stato psicologo della Clinica per l’identità di genere degli adulti del Centro per le dipendenze e la salute mentale (CAMH) di Toronto dal 1980 al 1995 e responsabile dei servizi di sessuologia clinica del CAMH dal 1995 al 2010.


Un problema dell’attuale narrativa mainstream sulla disforia di genere è che non fa distinzioni tra tipi di persone apparentemente molto diversi. Ad esempio, Bruce Jenner sembrava essere un uomo molto virile, un atleta olimpico che è stato sposato con tre donne diverse da cui ha avuto sei figli, prima di diventare Caitlyn Jenner. Al contrario, Jazz Jennings, un maschio alla nascita, era così femminile da essersi guadagnata una diagnosi di disturbo dell’identità di genere all’età di quattro anni. È attratta dai maschi. Jenner e Jennings sono così diverse nella loro presentazione e nella loro storia che ci sorprende che qualcuno pensi che abbiano la stessa condizione. Jenner e Jennings sono esempi di due tipi molto diversi di disforia di genere che sono stati scientificamente ben studiati e hanno motivazioni, presentazioni cliniche e probabili cause fondamentalmente diverse.

L’incapacità di molti terapeuti e attivisti di riconoscere questa distinzione è preoccupante per almeno due motivi. In primo luogo, suggerisce che essi ignorano le prove scientifiche pertinenti o le ignorano di proposito. In secondo luogo, l’incapacità di fare distinzioni fondamentali e scientificamente valide tra i diversi tipi di persone disforiche di genere non può che impedire il progresso verso l’individuazione dell’approccio migliore per aiutarle. Il morbillo, l’influenza e lo streptococco sono tutti associati alla febbre. Ma se li avessimo semplicemente raggruppati come “febbre”, non avremmo avuto trattamenti efficaci per esse.

Tipi di disforia di genere

La disforia di genere non è comune. Ma ci sono almeno tre tipi distinti di disforia di genere che, attualmente, si manifestano regolarmente nei  bambini e negli adolescenti. Li riassumiamo qui di seguito. Altri due tipi di disforia di genere sono molto meno comuni in queste fasce d’età e quindi li affrontiamo in modo meno approfondito alla fine di questo saggio. I tre tipi principali si differenziano per l’età di insorgenza (infanzia, adolescenza o età adulta), per la velocità di insorgenza (graduale o improvvisa), per gli orientamenti sessuali associati (membri dello stesso sesso o fantasia di appartenere al sesso opposto) e per il rapporto tra i sessi (ugualmente o differentemente probabile nei maschi e nelle femmine).

Il primo tipo – la disforia di genere insorta in età infantile – si verifica sicuramente sia nei bambini che nelle bambine biologiche. È altamente correlata con l’omosessualità – la preferenza sessuale per il proprio sesso biologico – soprattutto nei maschi alla nascita. (L’orientamento sessuale, tuttavia, di solito non è evidente fino all’adolescenza o all’età adulta). Questo è il tipo che Jazz Jennings aveva prima della sua transizione di genere.

Il secondo tipo, la disforia di genere di tipo autoginefilo si manifesta solo nei maschi. È associata alla tendenza a essere sessualmente eccitati dal pensiero o dall’immagine di sé stessi come una donna. Questo tipo di disforia di genere inizia talvolta durante l’adolescenza e talvolta durante l’età adulta e il suo esordio è tipicamente graduale. (Sebbene Caitlyn Jenner non abbia parlato apertamente dei suoi sentimenti, si sospetta fortemente che sia autoginefilica).

Il terzo tipo, la disforia di genere a esordio rapido, si verifica soprattutto nelle ragazze adolescenti.  Questo tipo è caratterizzato principalmente dall’età e dalla velocità di insorgenza piuttosto che dall’orientamento sessuale associato e può non essere limitato a un solo sesso, come il secondo tipo. La nostra impressione è che la disforia di genere a insorgenza rapida sia particolarmente comune tra le figlie dei genitori che leggono 4thWaveNow e tra coloro che scrivono sul forum di supporto di gendercriticalresources.com.

I primi due tipi (disforia di genere ad insorgenza infantile e disforia di genere di tipo autoginefilo) sono stati ben studiati, anche se la disforia di genere di tipo autoginefilo è stata studiata principalmente negli adulti. La terza (disforia di genere a insorgenza rapida, in inglese ROGD) è stata notata solo di recente ed è possibile che fino a poco tempo fa non si verificasse molto.

Come si fa a sapere quale tipo di disforia di genere ha il proprio figlio? Se c’erano segni evidenti di disforia di genere già prima della pubertà, il bambino è affetto da disforia di genere infantile. (Avreste sicuramente notato i segni all’epoca; come minimo avreste codificato vostro figlio come estremamente non conforme al genere). Se il bambino ha mostrato segni di disforia di genere per la prima volta durante l’adolescenza, ha uno degli altri tipi. Ricordate che la disforia di genere di tipo autoginefilo si verifica solo nei maschi alla nascita e inizia durante l’adolescenza o l’età adulta. (Di seguito descriviamo in modo più approfondito i tre tipi di disforia di genere).

Disforia di genere a insorgenza infantile (bambini e bambine)

La caratteristica più evidente che distingue la disforia di genere infantile dagli altri tipi è la comparsa precoce della non conformità di genere. La non conformità di genere è una tendenza persistente a comportarsi come l’altro sesso in una varietà di modi, tra cui preferenze di abbigliamento e aspetto, stile di gioco, preferenze di compagni, interessi e obiettivi. Un ragazzo molto anticonformista può vestirsi da femmina, giocare con le bambole, non gradire i giochi violenti, mostrare indifferenza per gli sport di squadra o di contatto, preferire compagni di gioco femminili, cercare di stare con donne adulte piuttosto che con uomini adulti ed essere definito dagli altri bambini “femminuccia” (un termine generalmente usato per ridicolizzare e svergognare i ragazzi femminili). Una bambina molto anticonformista di genere mostra un modello opposto, con la parola meno dispregiativa “maschiaccio” che sostituisce “femminuccia”.

L’esordio della non conformità di genere nell’infanzia è molto precoce, in genere intorno all’età in cui c’è un inizio di comportamento di genere.

È importante capire che non tutti i bambini non conformi al genere (anche quelli molto non conformi al genere) hanno la disforia di genere. Probabilmente la maggior parte non la ha, in effetti. Ma non conosciamo casi di disforia di genere insorta nell’infanzia senza non conformità di genere.

La disforia di genere nei casi infantili richiede che i bambini siano insoddisfatti del loro sesso di nascita. Inoltre, in genere desiderano essere – o addirittura affermano di essere – dell’altro sesso.

Cosa sappiamo della disforia di genere infantile?

La disforia di genere infantile è stata studiata sistematicamente da due centri di ricerca internazionali di alta qualità (uno a Toronto, guidato da Kenneth Zucker, e uno nei Paesi Bassi, guidato da Peggy Cohen-Kettenis). Entrambi i centri hanno valutato e seguito campioni rappresentativi di bambini con disforia di genere visitati nelle loro cliniche. I risultati sono abbastanza simili nei due centri. La letteratura pubblicata mostra che, almeno in passato, il 60-90% dei bambini la cui disforia di genere è iniziata prima della pubertà si è adattato al proprio sesso di nascita senza richiedere una transizione di genere. Tuttavia, questa situazione potrebbe cambiare a causa dei cambiamenti nella pratica clinica che incoraggiano la transizione di genere. (Vedi sotto).

Sessualità

I bambini con disforia di genere insorta nell’infanzia hanno una probabilità molto più alta di avere esiti non eterosessuali (cioè omosessuali o bisessuali) da adulti rispetto ai bambini tipici. I ragazzi con disforia di genere che si manifesta nell’infanzia e che desistono, di solito diventano uomini non eterosessuali. Una percentuale minore ha riferito di essere eterosessuale al follow-up. Quelli che effettuano la transizione diventano donne transessuali attratte dagli uomini.

Sebbene la maggior parte delle ragazze con disforia di genere ad insorgenza infantile che sono state seguite si identifichi come eterosessuale, quelle che desistono hanno un tasso molto più alto di non eterosessualità rispetto alla popolazione generale. Tra coloro che effettuano la transizione, la maggior parte è attratta dalle donne.

Ripetiamo: non ci sono prove che i genitori possano cambiare l’eventuale orientamento sessuale dei loro figli e non pensiamo che dovrebbero provarci.

Fattori di rischio per la persistenza della disforia di genere infantile

Quali sono i bambini con disforia di genere ad insorgenza infantile che persisteranno e quali quelli che invece desisteranno? L’evidenza suggerisce che non è possibile distinguere questi due gruppi con elevata sicurezza, ma è comunque possibile distinguerli in modo meno che casuale.

Ci sono alcune prove che la gravità della disforia di genere distingue questi due gruppi, anche se non è un fattore predittivo perfetto. I bambini che non solo dicono di voler essere dell’altro sesso, ma che affermano di esserlo, possono avere una particolare probabilità di persistere. Le ragioni per cui la convinzione espressa da un bambino di essere dell’altro sesso predice la persistenza rimangono poco chiare e questa variabile non consente nemmeno una previsione quasi perfetta. L’idea che sia il test essenziale del “vero trans” è un’esagerazione.

Altri fattori di rischio empiricamente supportati includono l’appartenenza a uno status socioeconomico inferiore e la presenza di tratti autistici, che predicono entrambi la persistenza. Perché questi fattori dovrebbero essere importanti? I ricercatori hanno ipotizzato che le famiglie svantaggiate dal punto di vista socioeconomico abbiano maggiori probabilità di avere problemi che impediscono loro di fornire l’ambiente sociale di supporto congruo che potrebbe aiutare maggiormente il bambino disforico di genere a desistere. I tratti autistici includono il pensiero perseverante e ossessivo, che possono rendere più difficile la desistenza. Inoltre, i genitori di bambini con tratti autistici possono essere così preoccupati per altri problemi da essere permissivi nei confronti di cose che potrebbero favorire la transizione di genere.

Un potente predittore di persistenza è la transizione sociale, ovvero il fatto che un bambino viva nell’altro sesso. Fino a poco tempo fa questo fenomeno era praticamente sconosciuto. Sempre più spesso, tuttavia, non solo è conosciuta, ma è anche incoraggiata da molti terapeuti di genere. (Si guardi un episodio di “I am Jazz”) . Nei Paesi Bassi la transizione sociale è diffusa da più tempo rispetto agli Stati Uniti. Uno studio recente ha rilevato che la transizione sociale è il più potente predittore di persistenza tra i maschi alla nascita. In altre parole, i ragazzi con disforia di genere a cui è stato permesso di vivere come ragazze tendevano fortemente a voler diventare donne adulte. (La stessa tendenza si è verificata per le femmine alla nascita, ma è stata meno consistente). Se a un bambino con disforia di genere viene permesso di vivere come l’altro sesso, cosa gli farà cambiare idea? Nessuno mette in dubbio che i bambini con disforia di genere vorrebbero davvero, davvero tanto cambiare sesso.

Che cosa si deve fare?

Non sono stati condotti gli studi necessari per esserne certi, tuttavia, sulla base del quadro generale, suggeriamo:

Se volete che il vostro bambino con disforia di genere infantile desista e se il vostro bambino è ancora ben al di sotto dell’età della pubertà (che varia, ma diciamo che è inferiore agli 11 anni), dovreste insistere con fermezza (ma con gentilezza e pazienza) sul fatto che il vostro bambino appartenga al suo sesso di nascita. Se questo è difficile per voi e per vostro figlio, dovreste considerare la possibilità di trovare un terapeuta. Non dovreste permettere a vostro figlio di mettere in atto comportamenti come il cross dressing e i giochi di fantasia nei panni dell’altro sesso. Soprattutto, non dovete permettere a vostro figlio di passare socialmente all’altro sesso.

Allo stesso tempo, dovete riconoscere che, nonostante i vostri sforzi, vostro figlio potrebbe avere bisogno di una transizione per essere felice. Se la disforia di genere di vostro figlio persiste fino all’adolescenza (anche in questo caso, l’età varia a seconda del bambino, ma diciamo intorno ai 14 anni), è molto più probabile che prosegua con la transizione. A quel punto, secondo noi, i genitori dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di supportarla.

Disforia di genere di tipo autoginefilo (ragazzi e uomini adolescenti)

Dal punto di vista di un genitore, la disforia di genere di tipo autoginefilo (che si verifica solo nei maschi alla nascita) spesso sembra arrivare all’improvviso. Questo è probabilmente vero sia che l’esordio avvenga durante l’adolescenza che in età adulta. Un adolescente può improvvisamente annunciare di essere una donna intrappolata nel corpo di un uomo, o di essere transgender, o di voler cambiare sesso. In genere, questa rivelazione fa seguito a un’intensa ricerca su Internet e alla partecipazione a forum sui transgender. È importante notare che l’adolescente non ha mostrato segni chiari e coerenti di non conformità di genere o di disforia di genere durante l’infanzia (cioè prima della pubertà).

Esiste un’importante distinzione tra la disforia di genere a rapida insorgenza e la disforia di genere di tipo autoginefilo che ha un esordio adolescenziale. La disforia di genere a insorgenza rapida viene acquisita all’improvviso, mentre la disforia di genere di tipo autoginefilo può essere rivelata all’improvviso, dopo essere cresciuta in segreto per diversi anni. Ne parleremo più avanti.

Da dove nasce la disforia di genere di tipo autoginefilo? Sappiamo molto sulle motivazioni di questo tipo di disforia di genere. La maggior parte delle nostre conoscenze deriva da studi su adulti nati maschi che hanno effettuato la transizione in età adulta. Alcuni di questi adulti avevano avuto la disforia di genere durante l’adolescenza, ma tutti avevano la causa principale della loro condizione: l’autoginefilia.

(Attenzione: L’autognefilia riguarda il sesso. Comprendiamo che per qualsiasi genitore sia imbarazzante e scomodo considerare le fantasie sessuali dei propri figli. Ma non potete capire vostro figlio con questo tipo di disforia di genere senza farlo).

L’autoginefilia è l’eccitazione sessuale di un maschio per la fantasia di essere una donna. In altre parole, i maschi autoginefili si eccitano pensando a sé stessi come donne o comportandosi come tali. Il tipico adolescente eterosessuale ha fantasie sessuali su ragazze o donne attraenti. Anche l’adolescente autoginefilo può avere tali fantasie, ma in aggiunta fantastica di essere una donna attraente e sexy. Il comportamento più comune associato all’autoginefilia durante l’adolescenza è il cross dressing feticista. In questo comportamento, l’adolescente maschio indossa abiti femminili (tipicamente, lingerie) in privato, si guarda allo specchio e si masturba. Alcuni maschi autoginefili sono eccitati sessualmente non solo dal travestimento, ma anche dall’idea di avere parti del corpo femminili. È particolarmente probabile che queste fantasie legate al corpo siano associate alla disforia di genere.

È importante distinguere tra autoginefilia e disforia di genere di tipo autoginefilo. L’autoginefilia è fondamentalmente un orientamento sessuale e, una volta presente, non scompare, anche se la sua intensità può variare. La disforia di genere di tipo autoginefilo a volte segue l’autoginefilia ed è il forte desiderio di transizione da maschio a femmina. Un maschio deve avere l’autoginefilia per avere la disforia di genere di tipo autoginefilo, ma il fatto che sia autoginefilo non significa che avrà disforia di genere. Molti maschi autoginefili vivono la loro vita contenti di rimanere maschi. Inoltre, a volte la disforia di genere di tipo autoginefilo si attenua e un maschio che voleva cambiare sesso non lo fa più.

In generale, è improbabile che i ragazzi adolescenti rivelino le loro fantasie sessuali ai genitori. Questo è probabilmente vero soprattutto per i ragazzi con autoginefilia. Inoltre, molti ragazzi che praticano il cross dressing si vergognano di farlo. Il fatto che le fantasie e i comportamenti autoginefili siano in gran parte privati è una delle ragioni per cui la disforia di genere di tipo autoginefilo di solito sembra emergere dal nulla. Un’altra ragione è che i maschi autoginefili non sono naturalmente molto femminili. Un adolescente con autoginefilia non dà segnali evidenti di non conformità di genere o di disforia di genere.

È probabile che la maggior parte dei maschi autoginefili non persegua la riassegnazione di genere, ma è difficile saperlo. (Sarebbe necessario condurre un’indagine rappresentativa su tutte le persone nate di sesso maschile, chiedendo informazioni sia sull’autoginefilia sia sulla transizione di genere. Questo non è stato fatto e non sarà fatto a breve). Molti maschi con autoginefilia si accontentano di travestirsi occasionalmente. Alcuni si sposano con donne e molti hanno anche dei figli. La formazione di una famiglia non è una garanzia contro una successiva transizione, anche se può rallentarla un po’. Nei decenni passati, quando i maschi autoginefili sono passati alla transizione, lo hanno fatto più spesso tra i 30 e i 50 anni, dopo aver sposato donne e generato figli. È possibile che di recente i maschi autoginefili abbiano tentato la transizione in età più giovane, compresa l’adolescenza.

La relazione tra autoginefilia e disforia di genere di tipo autoginefilo è incerta. Un’opinione è che la disforia di genere possa insorgere come complicazione dell’autoginefilia, forse a causa di eventi casuali o di fattori ambientali. Un altro punto di vista è che gli autoginefili che presentano poi disforia di genere erano in qualche modo diversi dagli autoginefili semplici fin dall’inizio (per esempio, più ossessivi). Poiché non conosciamo le cause dell’autoginefilia, attualmente è difficile distinguere queste diverse interpretazioni.

L’autognefilia, motivazione centrale della disforia di genere di tipo  autoginefilo, può essere considerata un orientamento sessuale insolito. Come per altri tipi di orientamento sessuale maschile, non sappiamo come cambiarlo e non dovremmo provarci. Il dilemma è come vivere con l’autoginefilia in un modo che consenta la massima felicità. Per alcuni autoginefili ciò significa rimanere maschi. Per altri, significa passare al sesso femminile.

Cosa sappiamo della disforia di genere di tipo autoginefilo?

Gran parte di ciò che sappiamo sulla disforia di genere di tipo autoginefilo deriva da ricerche condotte su adulti. La maggior parte delle prime ricerche è stata condotta dallo scienziato che ha sviluppato la teoria dell’autoginefilia, Ray Blanchard. Questo lavoro è stato successivamente confermato e ampliato da altri ricercatori, in particolare Anne Lawrence, Michael Bailey e gli studenti di Bailey.

La ricerca di Blanchard ha identificato due sottotipi distinti di disforia di genere tra i pazienti adulti di sesso maschile. Un tipo, chiamato “disforia di genere omosessuale”, è identico alla disforia di genere maschile ad esordio infantile. I maschi con questa condizione sono omosessuali, nel senso che sono attratti da altri maschi biologici. Blanchard ha fornito prove convincenti del fatto che gli altri pazienti con disforia di genere maschile erano autoginefili. Attualmente siamo favorevoli alla teoria secondo cui esistono solo due tipi ben definiti di disforia di genere tra i maschi, perché non sono state fornite prove convincenti per altri tipi. Questo potrebbe cambiare – siamo impegnati in un’apertura scientifica. In particolare, è possibile che alcuni casi di disforia di genere adolescenziale tra i maschi siano essenzialmente uguali alla disforia di genere a insorgenza rapida che si verifica tra le femmine. Per stabilirlo, tuttavia, saranno necessarie ulteriori ricerche.

L’autoginefilia è probabilmente rara, anche se è difficile saperlo con certezza. Tra i maschi che cercano la transizione di genere, tuttavia, è comune. In effetti, negli ultimi anni nei Paesi occidentali, compresi gli Stati Uniti, l’autoginefilia ha rappresentato almeno il 75% dei casi di transessualismo maschile-femminile.

Data l’importanza dell’autoginefilia per la comprensione della disforia di genere, può sorprendere che non ne abbiate mai sentito parlare. L’autoginefilia rimane un’idea in gran parte nascosta perché la maggior parte delle persone, compresi i giornalisti, le famiglie e molti maschi con autoginefilia, preferiscono fortemente la narrazione standard, sebbene falsa: “Il transessualismo consiste nell’avere la mente di un sesso nel corpo dell’altro sesso”. Molte persone trovano questa narrazione più facile da capire e meno inquietante dell’idea che alcuni uomini vogliano cambiare sesso perché la trovano fortemente erotica.

Sebbene molti maschi autoginefili trovino la scoperta dell’idea dell’autoginefilia una rivelazione positiva – l’autoginefilia è stata sconcertante per loro come per voi – altri sono infuriati all’idea. Ci sono due ragioni principali per cui alcuni maschi autoginefili sono in fase di negazione. In primo luogo, credono giustamente che molte persone trovino poco attraente una spiegazione sessuale della disforia di genere: il disagio nei confronti della sessualità è dilagante. In secondo luogo, trovano questa spiegazione dei propri sentimenti meno soddisfacente della spiegazione standard “donna intrappolata nel corpo di un uomo”. Questo perché l’autoginefilia è una caratteristica maschile, ma riguarda anche il desiderio di essere donna.

È bene essere consapevoli dello status controverso dell’autoginefilia, perché gli attivisti transgender sono spesso ostili all’idea. Non ne trarrete ulteriori informazioni dagli attivisti. E se vostro figlio ha frequentato discussioni su Internet, potrebbe anche non sopportare l’idea. Sottolineiamo che l’autoginefilia è controversa per motivi sociali, non per motivi scientifici. Nessun dato scientifico l’ha messa seriamente in discussione.

Sessualità

I maschi con autoginefilia possono avere una varietà di fantasie e interessi autoginefili, dal travestirsi al fantasticare di avere corpi femminili, dal godere (per motivi erotici) di attività femminili stereotipate come il lavoro a maglia al fantasticare di essere incinta o di avere le mestruazioni. Uno studio ha rilevato che i maschi autoginefili che fantasticano di avere genitali femminili tendono anche ad essere quelli con la maggiore disforia di genere.

I maschi autoginefili si identificano talvolta come eterosessuali (cioè attratti esclusivamente dalle donne), talvolta come bisessuali (attratti sia da uomini che da donne) e talvolta come asessuali (cioè attratti da nessun individuo). Il lavoro di Blanchard ha dimostrato che l’autoginefilia può essere considerata un tipo di eterosessualità maschile, diretta verso l’interno. L’autoginefilia spesso coesiste con l’eterosessualità diretta verso l’esterno, per cui i maschi autoginefili di solito dicono di essere attratti anche dalle donne. Alcuni maschi autoginefili godono dell’idea di essere attraenti, in quanto donne, per altri uomini. Possono avere fantasie sessuali di fare sesso con uomini (nel ruolo femminile); alcuni possono anche agire su queste fantasie. Questo spiega l’identificazione bisessuale di alcuni maschi autoginefili. In altri, l’intensità dell’autoginefilia – che è l’attrazione per una “donna interiore” immaginata – è così grande che non rimangono sentimenti erotici per altre persone. Questo spiega l’identificazione asessuale. (I maschi asessuali autoginefili hanno molte fantasie sessuali, ma queste fantasie tendono a non coinvolgere altre persone).

Quando i maschi autoginefili ricevono ormoni femminili come parte della loro transizione di genere, in genere sperimentano una notevole diminuzione del loro desiderio sessuale. Alcuni hanno riferito che questo ha diminuito anche il loro desiderio di transizione di genere. Altri, invece, non hanno riportato alcun cambiamento nel loro desiderio di transizione. (In ogni caso, la terapia ormonale è un intervento medico con gravi effetti collaterali potenziali e non la raccomandiamo come metodo per trattare la disforia di genere, tranne nei casi in cui, dopo un’attenta valutazione, viene perseguita la transizione di genere).

L’autoginefilia è una parafilia, cioè un interesse sessuale insolito che si riscontra quasi esclusivamente nei maschi.

Ripetiamo: l’autognefilia è un orientamento sessuale – certo, un orientamento insolito e difficile da comprendere. Non ci sono prove che i genitori possano cambiare l’orientamento sessuale dei loro figli. E non crediamo che dovrebbero provarci.

Cosa si dovrebbe fare?

Coerentemente con i nostri valori, le nostre conoscenze e il nostro buon senso, crediamo che i maschi con disforia di genere di tipo autoginefilo non dovrebbero perseguire la transizione di genere subito, non appena ne hanno l’idea. La transizione richiede in ultima analisi procedure mediche serie con conseguenze irreversibili. Ma non siamo sicuri di quale sia il giusto approccio alla disforia di genere di tipo autoginefilo. In parte, questo è dovuto al fatto che la ricerca sui risultati è stata condotta troppo poco da scienziati esperti e aperti sull’autoginefilia.

Per prima cosa, consigliamo a vostro figlio di essere informato sull’autoginefilia. Il modo migliore per farlo dipende da voi. Probabilmente non esiste un modo che non sia imbarazzante. Prendete in considerazione l’idea di mostrargli questo blog. Le persone dovrebbero prendere decisioni importanti per la loro vita basandosi sui fatti, e per i maschi con disforia di genere di tipo autoginefilo, l’autoginefilia è un fatto. Lo standard “mente/cervello femminile in corpo maschile” è una finzione.

Alcuni maschi diventano meno motivati a perseguire il cambiamento di genere quando comprendono la loro autoginefilia. Tuttavia, alcuni non diventano meno motivati. Sappiamo molto meno sui modelli di persistenza e resistenza della disforia di genere di tipo autoginefilo rispetto alla disforia di genere ad esordio infantile.

Se un maschio autoginefilo ha acquisito familiarità con le prove scientifiche, ha pazientemente considerato le potenziali conseguenze della transizione di genere per un periodo di tempo non banale, e desidera ancora effettuare la transizione, non ci opponiamo a questa decisione. È possibile che molti maschi autoginefili siano più felici dopo la transizione di genere. Ma non c’è fretta per nessun adolescente di decidere.

Disforia di genere a insorgenza rapida (soprattutto femmine adolescenti e giovani adulti)

La disforia di genere a insorgenza rapida (ROGD) sembra arrivare all’improvviso. Riteniamo che ciò sia dovuto al fatto che la ROGD di fatto si manifesta senza preavviso. Questo non vuol dire che tutti gli adolescenti con ROGD fossero felici e mentalmente sani prima dell’inizio della loro disforia di genere. Ma è importante che da piccoli (prima della pubertà) non avessero alcun segno di disforia di genere.

Il caso tipico di ROGD riguarda un’adolescente o una giovane adulta il cui mondo sociale, al di fuori della famiglia, esalta i fenomeni transgender e ne esagera la prevalenza. Inoltre, è probabile che vi sia una forte dose di coinvolgimento in Internet. L’adolescente acquisisce la convinzione di essere transgender. (Questi gruppi di coetanei si incoraggiano a vicenda a credere che tutta l’infelicità, l’ansia e i problemi della vita siano probabilmente dovuti al fatto di essere transgender e che la transizione di genere sia l’unica soluzione. Di conseguenza, può esserci una corsa alla transizione di genere, compresi gli ormoni. L’opposizione dei genitori alla transizione di genere spesso porta a disaccordi in famiglia, fino all’allontanamento. Le minacce di suicidio sono comuni.*

Riteniamo che il ROGD sia un fenomeno socialmente contagioso in cui una giovane persona, tipicamente una donna alla nascita, arriva a credere di avere una condizione che non ha. Il ROGD non consiste nello scoprire una disforia di genere che è sempre stata presente; piuttosto, si tratta di arrivare a credere falsamente che i propri problemi siano dovuti a una disforia di genere precedentemente nascosta (a sé stessi e agli altri). Siamo chiari: le persone con ROGD hanno una sorta di disforia di genere, ma si tratta di una disforia di genere dovuta alla persuasione di persone particolarmente vulnerabili a una falsa idea. Non è una disforia di genere dovuta a qualcosa come avere la mente/cervello di un sesso intrappolato nel corpo dell’altro. Le persone affette da ROGD desiderano, ovviamente, effettuare una transizione di genere e spesso sono ossessionate da questa prospettiva.

La sottocultura che promuove il ROGD sembra condividere alcuni aspetti con i culti. Questi aspetti includono l’aspettativa di un accordo ideologico assoluto, l’uso di un gergo molto specifico, la concezione del mondo come “noi” contro “loro” (anche più di quanto facciano gli adolescenti tipici) e l’incoraggiamento a tagliare i ponti con la famiglia e gli amici che non sono “nel programma”. Inoltre, presenta sorprendenti somiglianze con un’epidemia molto dannosa che si è verificata una generazione fa: l’epidemia di falsi “ricordi recuperati” di abusi sessuali infantili e l’epidemia associata di disturbo di personalità multipla. Ne parliamo più avanti. Prima, però, rivediamo quel poco che sappiamo sul ROGD.

E i maschi alla nascita?

Perché continuiamo a porre l’accento sulle femmine alla nascita rispetto ai maschi alla nascita? Le ragioni sono tre. In primo luogo, l’unico studio condotto sulla ROGD ha rilevato un numero sostanzialmente superiore di femmine rispetto ai maschi (oltre l’80% di casi femminili). In secondo luogo, c’è stata un’impennata impressionante nel numero di adolescenti femmine che si identificano come transgender e si presentano alle cliniche di genere. In terzo luogo, esiste un altro tipo di disforia di genere – la disforia di genere di tipo autoginefilo – che probabilmente spiega la maggior parte o la totalità dei casi apparenti di ROGD nei nati maschi. Tuttavia, non possiamo essere del tutto certi che il numero esiguo di casi di ROGD nei maschi naturali sia dovuto all’autoginefilia. È possibile, quindi, che ciò che discutiamo qui si applichi anche a qualche maschio alla nascita.

Cosa sappiamo?

Il ROGD (Rapid Onset Gender Dysphoria, in italiano Diforia di Genere ad Insorgenza Rapida) è un fenomeno così recente che ne sappiamo poco con certezza. Abbiamo quattro fonti di dati. In primo luogo, un importante studio sul ROGD è stato presentato da Lisa Littman alla riunione annuale dell’International Academy of Sex Research. (Si tratta dell’unico studio empirico sistematico condotto finora). In secondo luogo, abbiamo avuto numerose conversazioni con madri di ragazze affette da ROGD. In terzo luogo, abbiamo letto diversi casi di studio del fenomeno. In quarto luogo, siamo stati in contatto con clinici che lavorano (come terapisti o consulenti) con bambini con ROGD o con le loro famiglie. Fortunatamente, le fonti hanno fornito risultati convergenti. Siamo abbastanza sicuri delle seguenti generalizzazioni:

-La grande maggioranza delle persone con ROGD è di sesso femminile e l’età di insorgenza più tipica va dalle scuole superiori all’università.

-Le persone con ROGD hanno un alto tasso di identità non eterosessuali prima dell’insorgenza del ROGD.

-Sono tipici i segni di estremo contagio sociale. Ad esempio, si tratta di più membri del gruppo dei pari che hanno iniziato a identificarsi come transgender. A volte ciò si verifica dopo programmi educativi transgender sponsorizzati dalla scuola.

-Le persone con ROGD presentano un’alta percentuale di problemi psichiatrici, in particolare aspetti legati al disturbo borderline di personalità (ad esempio, autolesionismo non suicida) e forme lievi di autismo (un tempo chiamato “sindrome di Asperger”).

-In generale, la salute mentale e le relazioni sociali dei bambini con ROGD peggiorano notevolmente quando adottano identità transgender.

-I genitori che si oppongono al ROGD dei loro figli non sono “transfobici” o socialmente intolleranti. Si tratta di genitori che, ad esempio, di solito approvano i matrimoni gay e la parità di diritti per le persone transgender.

Il nostro attuale punto di vista sul ROGD

La disforia di genere a insorgenza rapida (ROGD) si verifica quando una persona giovane (generalmente un’adolescente di sesso femminile) si convince di essere transgender, nonostante vi sia una forte evidenza del fatto che la persona giovane abbia pochi o nessun segno associato alle forme accertate di transgenderismo. Come e perché accade?

Nonostante la scarsissima ricerca disponibile fino ad oggi, abbiamo forti intuizioni su ciò che sta accadendo, basate sulla somiglianza con fenomeni simili del passato: le epidemie di ricordi recuperati e di personalità multiple. In questa sezione dedichiamo un notevole sforzo a spiegare queste epidemie passate e a tracciare i paralleli con quella attuale che ci riguarda: la disforia di genere a insorgenza rapida. Crediamo che chi dimentica (o ignora) il passato sia destinato a ripeterlo.

Negli anni Novanta c’è stata un’esplosione di casi in cui le donne hanno creduto di essere state molestate sessualmente, di solito dai loro padri e spesso in modo ripetuto e brutale. Credevano a queste cose anche se prima di “recuperare” questi “ricordi” – il più delle volte durante la psicoterapia – non ricordavano nulla di simile. Credevano nei ricordi anche se questi erano spesso altamente inverosimili (per esempio, i membri della famiglia se ne sarebbero accorti). Molte donne con ricordi recuperati hanno interrotto i rapporti con la famiglia. Alcune hanno sviluppato sintomi di disturbo da personalità multipla. Oggi sappiamo che i ricordi recuperati erano falsi. E il disturbo di personalità multipla non esiste, almeno nel modo in cui credevano le persone colpite e i loro terapeuti. Ci riferiamo ai ricordi recuperati e al disturbo di personalità multipla, che hanno cause simili – e anche alcune cause simili al ROGD – come RM (Recovered Memories)/MPD (Multiple Personality Disorders, in italiano Disturbo della Personalità Multipla).

Ecco le principali analogie tra ROGD e RM/MPD:

  1. I casi coerenti con la RM/MPD erano molto rari prima degli anni ’80, ma sono diventati un’epidemia. Lo stesso sembra accadere con la ROGD.
  2. Entrambi hanno colpito principalmente giovani donne, anche se la RM/MPD è iniziata sostanzialmente più tardi (in media all’età di 32 anni) rispetto alla ROGD (tipicamente durante l’adolescenza). (Un’altra epidemia distruttiva da contagio sociale – le accuse di stregoneria nella Salem coloniale – ha coinvolto principalmente ragazze adolescenti).
  3. Le spiegazioni di RM/MPD e ROGD fornite dai “veri credenti” sono contraddette dall’esperienza passata, dal buon senso e dalla scienza. La memoria e l’integrazione della personalità non funzionano come credevano i terapeuti che si occupavano di RM/MPD. Per esempio, i bambini e gli adulti che hanno subito traumi non possono reprimerli: li ricordano nonostante i loro migliori tentativi. E la disforia di genere nelle femmine alla nascita non inizia dopo l’infanzia, a meno che non si tratti della condizione acquisita del ROGD.
  4. Entrambi mostrano ampie prove della causa del contagio sociale sulla creazione di credenze false e dannose. Nella RM/MPD, la “via dell’infezione” di solito passa dai terapeuti che credono fermamente nella RM/MPD verso i loro pazienti suggestionabili, che acquisiscono una convinzione simile, la applicano alla propria vita e producono accuse false e mostruose contro i propri famigliari (Un risultato dannoso di una terapia o di un trattamento medico è detto iatrogeno). Nel ROGD, il percorso di infezione sembra essere principalmente diretto da giovane a giovane. Certo, i terapeuti entrano in azione dopo che la persona con ROGD acquisisce la convinzione di essere transgender, e allora sono complici di un danno enorme. Ma sembra che sia raro (per ora) che un giovane venga convinto a diventare ROGD da un terapeuta.
  5. Entrambi sono associati a ideologie sociopolitiche. (È interessante notare che entrambe le ideologie trovano ancora ampia accoglienza nei programmi di studi di genere di molte università). Per la RM/MPD, il sistema ideologico era che l’abuso sessuale degli uomini sui bambini non solo è stato troppo comune (vero), ma che è stato dilagante, addirittura la regola (falso). Se a questa ideologia si aggiunge la fede nella teoria e nei metodi freudiani (come l’ipnosi), cosa può andare storto? Molto, a quanto pare. Per il ROGD, l’ideologia rilevante è meno coerente, ma comprende le idee apparentemente contraddittorie che il genere è “fluido” (nel senso che non tutti rientrano nella dicotomia maschio-femmina); che costringere le persone in categorie di genere rigide è una causa comune di angoscia sociale e personale, ma che la transizione di genere è un modo sottoutilizzato di aiutare le persone.
  6. Sia il RM/MPD che il ROGD sono associati a problemi di salute mentale, in generale, e soprattutto a un profilo di personalità coerente con il disturbo borderline di personalità (BPD). Questo non significa che tutte le persone con RM/MPD o ROGD abbiano il BPD, ma semplicemente che le prove suggeriscono che è comune in questi gruppi. Per esempio, colpisce l’alto tasso di autolesionismo non suicida che abbiamo notato nelle fonti sopra citate. Questo comportamento è fortemente associato al BPD. (Per una discussione sul BPD tra le persone con RM/MPD, si veda questo articolo, pagine 510 e seguenti).
  7. L’adozione della convinzione di essere affetti da RM/MPD o ROGD è stata associata a un marcato declino del funzionamento e della salute mentale.

Alcuni dei fattori che sembrano essere comuni nel ROGD – e alcuni che sono simili tra ROGD e RM/MPD – probabilmente incoraggiano l’adozione di false credenze e identità. Questi includono un fragile senso di sé (BPD), la ricerca di attenzione (BPD), le difficoltà sociali (BPD e tratti autistici), la influenzabilità sociale (BPD e adolescenza), la pressione sociale (adolescenza) e le convinzioni fortemente radicate (anche se irrazionali e poco supportate) che rendono particolarmente probabile l’adozione di false conclusioni (indottrinamento sociopolitico). Gli adolescenti con un’effettiva storia di non conformità di genere o i cui orientamenti sessuali non sono eterosessuali possono essere particolarmente indotti a credere che questi siano segni che sono sempre stati transgender. Gli adolescenti la cui vita non è andata bene possono essere ossessivamente alla ricerca di una spiegazione e possono essere particolarmente ricettivi a un cambiamento drastico.

Sulla base delle fonti di dati sopra citate con cui abbiamo familiarità e delle nostre intuizioni informate, sospettiamo che molte persone con ROGD siano state generalmente in difficoltà prima di decidere di essere disforiche di genere e che molte di esse condurranno una vita piuttosto travagliata anche dopo che il loro ROGD (si spera) si sarà risolto. Naturalmente, il ROGD può solo peggiorare le cose, sia per la persona colpita che per la sua famiglia.

Cosa fare

Poiché il ROGD è un fenomeno così recente, le indicazioni per aiutare le persone colpite sono molto scarse. Lisa Marchiano ha scritto due eccellenti saggi pieni di buon senso, e consigliamo di iniziare da questi.

In secondo luogo, mettete da parte, per ora, la disforia di genere a insorgenza rapida. Identificate i problemi di vostro figlio che esistevano prima della disforia di genere e che possono avervi contribuito. Occuparsi di questi problemi sarà utile per tutti e forse vostro figlio sarà d’accordo.

In terzo luogo, per quanto riguarda il ROGD, fate il possibile per ritardare qualsiasi decisione sulla transizione di genere. Tra i diversi tipi di disforia di genere, la ROGD è quella per cui la transizione di genere è meno giustificabile e meno studiata. Ricordate che la ROGD si basa su una falsa convinzione acquisita per via sociale. Nessuno dei fattori sopra menzionati che hanno portato vostra figlia ad abbracciare questa falsa convinzione sarà corretto dalla transizione.

Due tipi più rari di disforia di genere

Per completezza, includiamo altri due tipi di disforia di genere. Sospettiamo che entrambi siano rari, anche tra le persone con disforia di genere. Uno di noi (Blanchard) ha visto casi del primo tipo, la disforia di genere auto-omoerotica, che sembra essere una disforia di genere motivata eroticamente. In questo caso, le femmine sessualmente mature (cioè non più biologicamente bambine) si preoccupano sessualmente dell’idea di diventare un uomo gay e di interagire con altri uomini gay. Nessuno di noi ha mai visto qualcuno che rientrasse chiaramente nel secondo tipo, la disforia di genere derivante da psicosi. (La nostra inclusione di questo tipo è stata motivata in gran parte dalle argomentazioni della dottoressa Anne Lawrence, un’importante studiosa che entrambi rispettiamo). In questo tipo, una persona (maschio o femmina per nascita) acquisisce l’illusione di essere dell’altro sesso, perché soffre di gravi carenze di pensiero.

Superficialmente, entrambe queste condizioni presentano alcune somiglianze con altri tipi di disforia di genere. Per esempio, una donna con disforia di genere a esordio rapido può essere attratta sessualmente dai maschi e quindi cercare di diventare un uomo gay, come nel caso della disforia di genere auto-omoerotica. La differenza importante è che la donna con disforia di genere a esordio rapido non è motivata principalmente dal desiderio erotico di essere un uomo gay. Invece, la prospettiva di avere rapporti sessuali con uomini gay è un sottoprodotto della sua condizione, non il punto principale. La donna con disforia di genere a esordio rapido la acquisisce attraverso il contagio sociale, in senso lato (cioè, compresi i segnali culturali che indicano che la disforia di genere è in qualche modo desiderabile). Per quanto riguarda l’altro sottotipo raro, abbiamo entrambi conosciuto persone disforiche di genere con psicosi. Tuttavia, in questi casi, la psicosi non era la causa della disforia di genere. Si trattava semplicemente di un problema aggiuntivo che la persona disforica di genere aveva. Nel caso della disforia di genere derivante da psicosi, la convinzione di essere transgender (o dell’altro sesso) è chiaramente un’illusione derivante da un pensiero disordinato e non, ad esempio, dal contagio sociale o dall’autoginefilia.

Disforia di genere auto-omoerotica

Questo raro tipo di disforia di genere è limitato alle donne. I casi pubblicati riguardano donne la cui disforia di genere è iniziata nella tarda adolescenza o in età adulta. (Si verifica in donne (eterosessuali) che sono sessualmente attratte dagli uomini, ma che desiderano sottoporsi alla riassegnazione del sesso per poter avere rapporti “omosessuali” con altri uomini). Queste donne sembrano essere sessualmente eccitate dal pensiero o dall’immagine di se stesse come uomini gay. Abbiamo creato l’etichetta disforia di genere auto-omoerotica per indicare questo orientamento sessuale. Ci sono pochi dati sistematici su questo tipo di disforia di genere, anche se le menzioni cliniche di donne eterosessuali con forti tratti maschili, che dicono di sentirsi come uomini omosessuali e che si sentono fortemente attratte da uomini effeminati risalgono a oltre 100 anni fa.

È ben documentato che almeno alcuni soggetti con disforia di genere auto-omoerotici si sono sottoposti a riassegnazione chirurgica del sesso e sono stati soddisfatti della loro decisione. Non ci sono motivi convincenti per mettere in dubbio tali auto-rapporti di soddisfazione post-operatoria, anche se le attuali tecniche chirurgiche non producono peni artificiali pienamente convincenti o funzionali, ed è difficile immaginare che per gli auto-omoerotici sia facile attrarre partner gay maschi che possano ignorare questo aspetto.

Questo tipo di disforia di genere non sembra essere la controparte femminile della disforia di genere autoginefilo, sebbene le differenze possano apparire sottili. I soggetti con disforia di genere di tipo autoginefilo (maschi) sono attratti dall’idea di avere un corpo femminile; i soggetti con disforia di genere autoomoerotici (femmine) sono attratti dall’idea di partecipare al sesso gay maschile. Per le autoginefile, diventare una donna lesbica è un obiettivo secondario, la logica conseguenza dell’attrazione per le donne e del desiderio di diventare una donna. Per gli auto-omoerotici, diventare un uomo gay sembra essere l’obiettivo primario o molto vicino ad esso.

I pochi casi disponibili suggeriscono che la disforia di genere auto-omoerotica può avere antecedenti ideativi o comportamentali nell’infanzia. Tuttavia, queste femmine non sono così vistosamente mascoline come le ragazze con disforia di genere a esordio infantile (pre-omosessuale). Per questo motivo, e perché all’inizio è rara, è improbabile che molti genitori individuino questa sindrome nelle figlie. È tuttavia ipotizzabile che, quando si verificano, i casi di disforia di genere auto-omoerotica possano essere percepiti da altri come disforia di genere a esordio rapido. Questo non perché la disforia di genere sia insorta improvvisamente, ma piuttosto perché le loro prime fantasie erotiche atipiche erano invisibili ai genitori.

Disforia di genere causata da deliri psicotici

L’idea che la disforia di genere possa talvolta riflettere deliri psicotici è certamente plausibile. I deliri nella schizofrenia, ad esempio, sono spesso bizzarri ma convincenti per la persona che li ha. Sfortunatamente, nessuno di noi (Ray Blanchard o Michael Bailey) ha avuto contatti diretti con una persona che corrisponda chiaramente a questo profilo, e quindi abbiamo meno certezze su questa categoria di disforia di genere rispetto alle altre. La nostra mancanza di familiarità diretta non significa necessariamente molto. Anche se la disforia di genere dovuta a psicosi fosse abbastanza comune (rispetto ad altre forme di disforia di genere), non ci saremmo aspettati di incontrarla. Le persone con gravi malattie mentali sono state generalmente trattate per la loro malattia mentale e non per la disforia di genere. Fino a poco tempo fa, le cliniche che si occupavano di persone con disforia di genere escludevano i pazienti con gravi malattie mentali, perché temevano che la loro diagnosi e il loro trattamento potessero essere compromessi. Ma esitiamo a considerare questo tipo di disforia di genere come “sicuramente esistente”, perché temiamo che gli psichiatri che hanno affermato di vederla possano non essere stati sufficientemente formati per diagnosticare altri tipi di disforia di genere, come l’autoginefilia. Pertanto, potrebbero aver concluso che la psicosi ha causato la disforia di genere, quando in realtà la psicosi potrebbe semplicemente essersi verificata con l’autoginefilia nella stessa persona. Uno di noi (Bailey) è stato recentemente in contatto con la madre di un giovane che sembra avere il profilo che ci aspetteremmo per la disforia di genere dovuta a deliri psicotici, e non c’era alcuna prova che questo giovane fosse autoginefilo. Tuttavia, non siamo affatto sicuri dell’esistenza di questo tipo di disforia di genere, tanto meno della sua prevalenza.

Non solo un tipo di disforia di genere: alcune implicazioni

Dovrebbe essere ormai chiaro che “disforia di genere” non è un termine sufficientemente preciso. I genitori di bambini con disforia di genere dovrebbero sapere quale tipo di disforia di genere ha il loro bambino. Per farlo, è necessario conoscere tutti e tre i tipi più comuni. Cioè, per capire perché il proprio figlio è di tipo X, è necessario sapere perché non è di tipo Y o Z. Non si tratta di una semplice questione accademica. Esistono differenze essenziali tra i diversi tipi di disforia di genere.

Se la conoscenza è potere, allora la mancanza di conoscenza è negligenza. L’ignoranza di alcuni importanti clinici esperti di genere riguardo a tutti gli aspetti scientifici della disforia di genere è scandalosa. Per migliorare dovrebbero iniziare da questo. Raccomandiamo di non rivolgersi a specialisti delle problematiche di genere che siano ostili alla nostra visione. Idealmente, dovrebbero essere d’accordo con essa.

Sapere che esistono tipi molto distinti di disforia di genere solleva anche domande e preoccupazioni sul fatto che le persone transgender di un tipo utilizzino le proprie esperienze per dare consigli a bambini/adolescenti di altri tipi. Nulla dell’esperienza di Caitlyn Jenner le permette di capire cosa significava essere Jazz Jennings e viceversa. Eppure, un certo numero di attivisti transgender che hanno storie tipiche di con disforia di genere di tipo autoginefilo non esitano a fare pressione su genitori, legislatori e clinici per ottenere acquiescenza, leggi e terapie che non distinguono tra i vari tipi di bambini con disforia di genere. Inoltre, non di rado affermano di avere una conoscenza approfondita basata sulle proprie esperienze. Eppure le loro esperienze sono irrilevanti per i due tipi di disforia di genere che non hanno. E anche per quanto riguarda l’autoginefilia, questi attivisti transgender sono quasi tutti in fase di negazione. Ciò significa che i loro ricordi pubblici delle esperienze vissute sono distorti o del tutto falsi. Un’eccezione degna di nota è la dottoressa Anne Lawrence, che è diventata un’importante ricercatrice sulla disforia di genere e che è stata onesta e aperta sulla sua autoginefilia. La dottoressa Lawrence si è presa il tempo di imparare la letteratura scientifica sui diversi tipi di disforia di genere e non insiste sul fatto che le sue esperienze personali valgano anche per i soggetti con disforia di genere non autoginefili. Le vittime principali dei tentativi degli autoginefili negazionisti di orientare la narrazione verso l’identità sono, in realtà, altre persone con autoginefilia. Tra queste ci sono anche gli autoginefili  onesti, che ci contattano spesso ma che temono gli attacchi pubblici di coloro che negano la realtà. La cosa più rilevante per questo blog, in quanto potenziali vittime, sono i giovani autoginefili, che rischiano di essere indirizzati verso decisioni che altrimenti non prenderebbero, sulla base di fantasie imprecise abbracciate da chi non riesce ad affrontare la verità della propria condizione.

Per noi, il gruppo più tragico, insieme alle loro famiglie, comprende coloro che hanno acquisito una disforia di genere a insorgenza rapida. Questa condizione sembra essere la tragica interazione dell’attuale Zeitgeist transgender (“È ovunque, ed è fantastico!”) e dei social media con la vulnerabilità degli adolescenti in difficoltà, soprattutto delle ragazze. Esse sono a rischio di interventi medici inutili, sfiguranti e dannosi per la salute.

*Nota. Il suicidio è tragico e terribile e per questo motivo raccomandiamo di prendere sul serio le idee, le minacce e i gesti suicidi di vostro figlio. Abbiamo scritto altrove del rischio di suicidio tra le persone disforiche di genere e riteniamo che questo rischio sia elevato rispetto alle persone non disforiche di genere, ma comunque improbabile.

Ti potrebbe interessare anche

Transizione di genere: non abbiamo dati precisi sui tassi di pentimento e le detransizioni

“Il protocollo transgender”: nuova inchiesta giornalistica nei Paesi Bassi

Il mondo scientifico è ormai concorde: la disforia di genere infantile e adolescenziale è quasi sempre transitoria

Gli effetti della transizione sociale, alla luce di nuovi studi scientifici