L’Assemblea Medica Tedesca approva una risoluzione per limitare le transizioni di genere tra i giovani a contesti di ricerca controllati

Traduzione dell’articolo “The German Medical Assembly Passes a Resolution to Restrict Youth Gender Transitions to Controlled Research Settings” pubblicato su SEGM.org il 10 maggio 2024

Ora il futuro della transizione di genere tra i giovani in Germania è in discussione, poiché la risoluzione è in contrasto con le linee guida trans-affermative pubblicata nel marzo 2024


All’inizio di questa settimana, la 128a Assemblea Medica Tedesca, che comprende 250 delegati provenienti da 17 associazioni mediche tedesche, ha approvato due importanti risoluzioni: limitare i bloccanti della pubertà, gli ormoni cross-sessuali e gli interventi chirurgici per i giovani con disforia di genere sotto i 18 anni a studi clinici controllati; e limitare le leggi sull’auto-determinazione dell’identità di genere ai maggiori di 18 anni. 

La prima risoluzione (Ic-48) si è concentrata sulle “cure di affermazione di genere” per i giovani. La risoluzione, approvata dalla maggioranza dei medici delegati (120 voti a favore, 47 contrari e 13 astensioni), afferma:

“La 128a Assemblea Medica Tedesca del 2024 chiede al Governo Federale di consentire i bloccanti della pubertà, le terapie ormonali per il cambio di sesso o la chirurgia di riassegnazione di genere nei minori di 18 anni con incongruenza di genere (GI) o disforia di genere (GD) solamente nel contesto di studi scientifici controllati e con il coinvolgimento di un team multidisciplinare e di un comitato di etica clinica e dopo una diagnosi medica e, in particolare, psichiatrica e il trattamento di eventuali disturbi mentali. I risultati terapeutici di eventuali interventi di questo tipo devono essere monitorati da un punto di vista sociologico, medico, psichiatrico infantile e adolescenziale, sociale e psicologico per un periodo di almeno dieci anni e i risultati della valutazione devono essere incorporati nella revisione della ‘Linea guida sull’incongruenza di genere e la disforia di genere nell’infanzia e nell’adolescenza: diagnosi e trattamento.'”

La risoluzione ha sottolineato le profonde conseguenze a lungo termine delle transizioni nei giovani (inclusa la perdita della funzione riproduttiva) e l’assenza di prove affidabili nell’area delle transizioni giovanili. Gli autori hanno anche evidenziato una scoperta chiave di un recente studio olandese sulla non-conformità di genere nei giovani, affermando: “l’insoddisfazione per il genere o il sesso è più comune intorno agli 11 anni, e la frequenza di questa sintomatologia diminuisce poi con l’età. La netta maggioranza dei minori non mostra persistente insoddisfazione di genere o sesso nel corso della propria vita.”

La seconda risoluzione (Ic-128) (approvata con 110 voti a favore, 64 contrari e 14 astensioni) si è concentrata sulla recente legislazione sull’”auto-identificazione (self-id)”. Ha affermato che i minori non dovrebbero essere autorizzati a “auto-identificarsi” in un sesso prescelto senza una precedente consulenza e diagnosi specialistica di psichiatrica adolescenziale.

Entrambe le risoluzioni hanno fornito una giustificazione per le raccomandazioni (vedi la risoluzione in lingua tedesca e le versioni tradotte automaticamente in inglese allegate di seguito). 

Queste risoluzioni sono in contrasto con le raccomandazioni trans-affermative recentemente pubblicate nelle linee guida “Incongruenza di Genere e Disforia di Genere nell’Infanzia e nell’Adolescenza: Diagnosi e Trattamento” del 2024. Secondo le linee guida preliminari, l’unico requisito per la transizione medica dei giovani è la diagnosi adolescenziale di “Incongruenza di Genere.” Il criterio di “disagio” precedentemente richiesto è stato reinterpretato semplicemente come l'”ansia anticipatoria” rispetto allo sviluppo delle caratteristiche sessuali secondarie e al desiderio di evitare futuri cambiamenti puberali. Inoltre, la bozza attuale afferma che richiedere la psicoterapia come prerequisito per la transizione di genere dei minori non sia etico, e consente la prescrizione di bloccanti della pubertà “provvisoriamente” prima che sia effettuata una valutazione completa.

Le linee guida erano state sviluppate sotto l’egida dell’AWMF, l’Associazione delle Società Mediche Scientifiche in Germania. Sono state formalmente guidate dalla Società Tedesca di Psichiatria, Psicosomatica e Psicoterapia dell’Infanzia e Adolescenza (DGKJP), con la partecipazione di altre 26 organizzazioni mediche provenienti da Germania, Svizzera e Austria. La bozza dovrebbe essere votata dai Consigli delle 27 società e, se accettata, sarà pubblicata a Giugno 2024 come linee guida finali.

Conclusioni SEGM

La risoluzione che mette in guardia contro le transizioni giovanili in medicina generale è stata approvata dalla Bundesärztekammer, un organismo di autogoverno per i medici in Germania. La bozza delle linee guida trans-affermative è stata pubblicata dall’AWMF, che è un’organizzazione ombrello per le Società Mediche Scientifiche in Germania. Nessuna delle due organizzazioni sembra avere un’autorità vincolante. Il fatto che queste due serie di raccomandazioni siano in contrasto suggerisce che il governo federale tedesco potrebbe dover intervenire per conciliare le due direzioni conflittuali.

Da notare che l’AWMF afferma che “l’obiettivo primario delle linee guida di pratica clinica è quello di migliorare la buona pratica clinica” valutando “la conoscenza complessiva (evidenza scientifica ed esperienza clinica) sui problemi di cura, per conciliare opinioni opposte e per definire la pratica ottimale attuale attraverso il bilanciamento danni-benefici”. L’AWMF riconosce che “l’efficacia delle linee guida dipende dalla loro accettazione e dall’affidabilità delle loro raccomandazioni” (pp. 7-9). Anche se le linee guida preliminari venissero accettate e pubblicate come definitive a giugno (come inizialmente previsto), la risoluzione della Bundesärztekammer segnala che la direzione fortemente “trans-affermativa” degli orientamenti AWMF potrebbe non essere considerata credibile dai futuri utenti della linea guida. 

SEGM prevede di pubblicare a breve la propria analisi della metodologia delle linee guida tedesche e la propria valutazione della loro affidabilità.


Allegati

BIc48 en.pdf
BIc128 en.pdf
BIc48.pdf
BIc128.pdf

Ti potrebbe interessare anche

“Stop alla promozione della transizione per i minori”: quando si esporranno anche i pediatri italiani?

Lo studio di Turban sulla triptorelina: tutti lo citano, pochi lo leggono.

Lettera ai genitori del Careggi

Punto di vista dall’estero: “Rotten Endocrinology in Italy”