Il modello olandese sta crollando

Pubblichiamo una traduzione dell’articolo della dottoressa Stella O’Malley uscito su Genspect il 2 gennaio 2023 The Dutch Model Is Falling Apart

Finalmente gli olandesi parlano. Il Paese che ha deciso incautamente che era una buona idea offrire a giovani adolescenti sani un trattamento sperimentale che bloccava ogni sviluppo sessuale sta finalmente iniziando a prendere atto dei profondi difetti di questo trattamento aggressivo e invasivo. La decisione dell’autorevole quotidiano olandese NRC di pubblicare una critica severa del cosiddetto “protocollo olandese” e, per estensione, delle “cure per l’affermazione del genere” in generale, annuncia l’inizio della fine dell’idea straordinariamente autoritaria secondo cui i medici dovrebbero offrire un trattamento che altera in modo irreversibile la futura vita sessuale di un bambino e compromette la sua futura capacità di avere figli.

In questo articolo innovativo, il giornalista Jan Kuitenbrouwer e l’accademico in pensione Peter Vasterman sostengono la necessità di una ricerca indipendente e offrono un’apprezzabile esposizione dei numerosi difetti relativi alle terapie mediche sperimentali per i bambini con problemi di genere. I problemi di questi trattamenti medici, sviluppati nella clinica olandese di genere un paio di decenni fa, per lo più sviluppati in modo che gli adolescenti potessero assomigliare di più al sesso opposto e non si sentissero stressati dal loro sviluppo sessuale, stanno ora diventando molto evidenti a seguito dell’attenzione mediatica dovuta al crescente numero di giovani detransitioners in tutto il mondo. Con oltre 43.000 membri su Reddit/detrans,  i clinici informati non possono più fingere che la detransizione sia “estremamente rara”. La verità è che i medici non hanno idea di quanti siano i detransitioners – i detrassitioners tendono a evitare queste cliniche perché spesso le considerano la scena dell’attacco. Gli studi che cercano di accertare i livelli di soddisfazione post-transizione registrano un numero estremamente elevato di partecipanti che sono stati “persi al follow up”. È un pasticcio vergognoso e scadente.

Fino al 2010 la clinica olandese era come altre cliniche di genere in tutto il mondo, un centro medico in gran parte sconosciuto che trattava una media di 200 pazienti all’anno, tra cui circa 60 bambini e ragazzi. Poi, rispecchiando le tendenze di tutto il mondo occidentale, è iniziata una sorprendente impennata e, intorno al 2013, il numero di pazienti è improvvisamente raddoppiato e ha continuato a crescere rapidamente.  Ora, nel 2022, ci sono più di 5.000 persone in trattamento, di cui 1.600 minori, e quasi 6.000 persone in lista d’attesa per il trattamento.

Lo studio olandese del 2006 che ha delineato per la prima volta l’approccio che è diventato noto come “protocollo olandese” è stato sponsorizzato dalla Ferring pharmaceuticals, che ha commercializzato il Triptorelin, un bloccante della pubertà (i milioni di dollari di profitti coinvolti in questa industria non sono ancora stati ufficialmente documentati). Poiché all’inizio i numeri erano molto piccoli, pochi hanno fatto caso a questa nicchia di mercato; tuttavia, quando i numeri hanno iniziato a crescere, le donne più attente hanno notato i problemi legati al blocco dello sviluppo sessuale dei bambini e le organizzazioni pionieristiche come 4th Wave Now e Transgender Trend hanno denunciato questi interventi medici che cambiano la vita di bambini altamente vulnerabili.


4th Wave Now, 201

Transgender Trend, 2018

Secondo il “protocollo olandese”, per essere idonei ai bloccanti della pubertà, i bambini sottoposti a questi trattamenti irreversibili devono presentare disforia di genere fin dalla più tenera età e sperimentare un significativo calo dell’umore all’inizio della pubertà. Gli olandesi hanno inoltre stabilito che i pazienti devono essere psicologicamente stabili e avere accesso a un supporto emotivo. Tuttavia, le cose non sono andate così. Al contrario, è emersa una coorte del tutto nuova e questi giovani adolescenti, solitamente di sesso femminile, spesso autistici e quasi sempre molto vulnerabili, hanno creato un’enorme e inaspettata domanda nelle cliniche di genere di tutto il mondo. 

Finora gli olandesi sembravano orgogliosi del loro trattamento pionieristico, nonostante il fatto che non esistano prove a lungo termine a sostegno. Per la prima volta, con questo articolo, gli olandesi si impegnano in un’auto-riflessione sul loro approccio dannoso e sorprendentemente pesante. Kuitenbrouwer e Vasterman sottolineano che “quello che stiamo vedendo ora è un tipo di paziente completamente nuovo… Spesso si presentano solo quando la pubertà è già iniziata e spesso non hanno una storia di disforia di genere. Non si tratta di un disturbo, ma di una “identità”. Molti hanno problemi psicologici aggiuntivi – come risultato della loro disforia di genere, o come causa?”.

Le organizzazioni trans sostengono che la crescita esponenziale dei ragazzi che desiderano effettuare la transizione, iniziata intorno al 2013, si spiega con una maggiore consapevolezza e accettazione della diversità di genere da parte della società; tuttavia, i giornalisti olandesi si chiedono: “È una coincidenza che questa esplosione sia coincisa con la spettacolare crescita dei social media?”. Altri analisti indicano fattori di influenza come il contagio sociale e gli influencer dei social media.

Gli olandesi proseguono: “A seguito di ampie valutazioni scientifiche dei trattamenti, le autorità sanitarie di Svezia, Finlandia e Regno Unito hanno deciso di enfatizzare il trattamento psicologico nei bambini e di prescrivere i bloccanti della pubertà solo in casi molto gravi o, come in Florida, di smettere completamente di prescriverli”. Questi Paesi, a seguito di un’analisi critica sulle terribili ricadute sui giovani che sono stati sottoposti alle raccomandazioni di età “14-16-18” per i bloccanti della pubertà, gli ormoni cross-sessuali e gli interventi chirurgici rispettivamente, e che poi hanno vissuto di rimpianto e successivamente si sono detransizionati, hanno rivisto le loro linee guida e ora favoriscono la psicoterapia convenzionale piuttosto che il trattamento medico per i giovani con disagi di genere.

“Secondo la revisione svedese (2021)  i dati disponibili non sono sufficienti per valutare correttamente gli effetti sulla disforia di genere, sulle condizioni psicosociali, sul funzionamento cognitivo e sulla salute fisica. I rischi sono attualmente superiori ai possibili benefici”, afferma l’autorità sanitaria svedese. Il rapporto finlandese (2020) giunge a una conclusione simile, così come la “Cass Review” britannica (2022). L’importante pediatra britannica Hilary Cass ha condannato l’applicazione britannica del protocollo olandese e, sulla base del suo rapporto, la clinica di genere Tavistock, la più grande del mondo, è stata immediatamente chiusa“.

Il danno che il protocollo olandese ha scatenato nel mondo sta diventando sempre più riconosciuto. Nel loro articolo, Kuitenbrouwer e Vasterman riconoscono la realtà: “I bloccanti della pubertà non sono un ‘pulsante di pausa’, ma una profezia che si autoavvera. Quasi tutti i bambini trattati passano dai bloccanti della pubertà agli ormoni cross-sessuali a 16 anni. In pratica, i bloccanti della pubertà non sembrano essere un pulsante di pausa per la riflessione, ma il pulsante di inizio della transizione”.

“Si sa sempre di più sugli effetti collaterali a lungo termine dei bloccanti della pubertà. Interferiscono con lo sviluppo fisico sessuale, ostacolano lo sviluppo delle ossa, possono causare anorgasmia e infertilità e interferiscono con la capacità di prendere decisioni razionali”.

“Anche la fondatezza scientifica del protocollo olandese sembra essere piuttosto traballante. Quasi tutte le pubblicazioni su cui si basa la clinica di genere olandese provengono dai suoi stessi operatori. Dov’è la conferma da parte di ricercatori esterni?”.

Infatti.

Kuitenbrouwer e Vasterman hanno evidentemente fatto le loro ricerche e hanno trovato le enormi falle in questione. “La ricerca che viene sempre citata è quella della psichiatra infantile Annelou de Vries e del team di genere di Amsterdam, pubblicata nel 2011 e nel 2014. I risultati mostrano che i 55 bambini trattati prima con bloccanti della pubertà e poi con ormoni hanno riportato risultati positivi un anno e mezzo dopo l’intervento”.

Sebbene i risultati positivi per i giovani diciotto mesi dopo un trattamento irreversibile vadano certamente notati, la decisione di non offrire follow-up regolari a questi 55 partecipanti è straordinaria al punto da risultare sospetta. Questi studi sono l’unica ragione per cui migliaia di bambini in tutto il mondo hanno subito il blocco dello sviluppo sessuale nel tentativo di aiutarli nella transizione medica; tra le zelanti lobby trans, questi studi sono considerati il gold standard – eppure un esame dei risultati fa subito sorgere il dubbio tra i ricercatori esperti.

La nostra intervista con de Vries e Steensma, su Gender: A Wider Lens ha rivelato strane anomalie in questo studio. Lo studio è iniziato con 70 partecipanti nel 2011, e 15 sono stati esclusi dallo studio di follow-up nel 2014 per motivi quali diabete e obesità. Perché non sono disponibili ricerche che dimostrino cosa sia successo a questi 15 partecipanti? 

Uno dei partecipanti è tragicamente morto in seguito a quello che oggi viene chiamato intervento chirurgico di “conferma del genere”: perché non si è posto immediatamente fine a questo terribile esperimento sui bambini?

Perché i ricercatori hanno cambiato i questionari dopo la transizione – in modo che le ragazze biologiche ricevessero un questionario per i ragazzi e viceversa – rovinando così qualsiasi analisi credibile della loro efficacia come trattamento della disforia di genere? 

Gli studi olandesi sono stati certamente innovativi, ma è sorprendente che siano mai stati considerati un modello da emulare.

I giornalisti olandesi notano altri problemi nella ricerca: “Questa ricerca è stata successivamente messa sotto accusa in numerose pubblicazioni, non solo per la mancanza di un gruppo di controllo e di un campione casuale (su un totale di 196 bambini trattati), ma anche per l’uso di questionari incomparabili. Conclusione: non si tratta di una solida base di prove”.

“Ad oggi, i risultati di De Vries non sono stati replicati. Un tentativo da parte di un gruppo di ricerca della clinica Tavistock è fallito e i risultati sono scomparsi in un cassetto della scrivania. Solo di recente sono stati resi noti per ordine del tribunale britannico”.

E se questo trattamento ha una base scientifica così solida, perché De Vries ha ricevuto di recente una sovvenzione del NWO per uno studio di cinque anni sulla “base di prove mancanti”? Un trattamento irreversibile, che cambia la vita, è stato condotto sulla De Boelelaan di Amsterdam per più di vent’anni senza una “base di prove”?”.

Sì, purtroppo, e quasi incredibilmente, è così.

“I medici trans olandesi mettono la testa sotto la sabbia. In occasione del suo recente insediamento come professore di Gender and Sex Variations presso l’UMC di Amsterdam, Baudewijntje Kreukels ha accusato i critici di essere “oppositori delle cure […] transgender” e che le opinioni sono più importanti delle scoperte scientifiche. Quello che lei chiama pettegolezzo. È proprio l’assistenza transgender esistente che trarrebbe beneficio da meno velleità e più scienza. I [critici] si agitano proprio perché sono a favore dell’assistenza transgender. Ma un’assistenza responsabile e comprovata”.

“I Paesi Bassi sono da tempo un Paese guida in questo senso. Questo status crea degli obblighi. Prima di espandere drasticamente la capacità dell’assistenza sanitaria trans olandese, l’assistenza sanitaria esistente deve essere valutata in modo critico e indipendente”. Tutte ragioni per cui l’Ispettorato per la salute e l’assistenza ai giovani deve intervenire”.

Finalmente la verità sul pasticcio olandese viene svelata e ringraziamo il giornalista Jan Kuitenbrouwer, il sociologo Peter Vasterman e l’NRC per aver svelato il marcio alla base di questo trattamento dannoso e sperimentale.

Ti potrebbe interessare anche

Primario altoatesino sul testosterone: “Una miriade di controindicazioni anche mortali”

Chi finanzia Genspect (e GenerAzioneD)?

Il Foglio: “Tutto l’occidente si fa prudente con i bloccanti della pubertà. Tranne l’Italia”

Dottore, le racconto di mia figlia