Società di assicurazione medica taglia la copertura per i medici alle prese con richieste di risarcimento per la transizione pediatrica

Pubblichiamo nostra traduzione di un articolo di Bernard Lane pubblicato su Gender Clinic News il 9 maggio 2023


I medici australiani che esercitano la professione privata potrebbero subire pressioni per abbandonare l’attività di cambio di genere medicalizzato dei minori, a seguito di un’importante decisione assicurativa che mette in luce il rischio significativo di controversie legali.

“In risposta all’elevato rischio di richieste di risarcimento derivanti da trattamenti irreversibili forniti a coloro che effettuano la transizione medica e chirurgica da bambini e adolescenti, [l’assicuratore di responsabilità civile medica] MDA National sta limitando la copertura per gli operatori del settore privato”, afferma la compagnia in un’e-mail inviata agli assicurati con questa copertura.

E’ in corso un intenso dibattito, a livello internazionale, sulla sicurezza e l’efficacia della transizione medica per un numero senza precedenti di adolescenti, per lo più di sesso femminile, che presentano una forma atipica e tardiva di disforia di genere, una condizione in passato rara di disagio nel corpo sessuato.

“Sono sorpreso dalla scarsità di studi in questo campo [della transizione pediatrica]. Non abbiamo trovato studi randomizzati e solo 24 studi osservazionali rilevanti” – dice il Professor Jonas F Ludvigsson del Karolinska Institute, che ha partecipato alla revisione sistematica delle evidenze di efficacia in Svezia, in una dichiarazione ai media, 19 aprile 2023.

Nessun pagamento

L’email inviata dall’ MDA National ai medici che assistono giovani con disforia di genere avverte: “[A partire dal 1° luglio,] non vi forniremo copertura né effettueremo alcun pagamento nel caso in cui la richiesta di risarcimento nei vostri confronti derivi in qualche modo dalla vostra valutazione che un paziente di età inferiore ai 18 anni sia idoneo per la transizione di genere”.

La compagnia assicuratrice, che conta tra i suoi membri 54.000 professionisti della salute, afferma inoltre che non coprirà più i medici che dovessero incorrere in una richiesta di risarcimento dopo aver “iniziato a prescrivere ormoni per l’affermazione di genere a un paziente di età inferiore ai 18 anni”.

“Riteniamo appropriato che la valutazione e la prescrizione iniziale per i pazienti in transizione di età inferiore ai 18 anni avvengano con il supporto e la gestione di un team multidisciplinare in ambiente ospedaliero”.

In risposta alle domande di GenderClinicNews (GCN), una portavoce di MDA National ha dichiarato: “Siamo stati molto mirati nei rischi che abbiamo voluto escludere, il che significa che i medici saranno ancora in grado di fornire un’ampia gamma di cure sanitarie a bambini e adolescenti con disforia di genere”.

Le richieste di risarcimento derivanti dal trattamento con bloccanti della pubertà “non sono attualmente escluse dalla copertura”, anche se la compagnia si rende conto che “vi è una certa incertezza sugli effetti dell’uso a lungo termine dei bloccanti della pubertà [e] non tutti gli effetti dei bloccanti della pubertà sono reversibili”.

Per quanto riguarda la copertura degli interventi chirurgici trans sotto i 18 anni, come la mastectomia, la portavoce ha affermato che l’esclusione si applicherà alle richieste di risarcimento da parte del chirurgo che valuta un paziente idoneo a tali interventi.

“Continueremo a coprire le richieste di risarcimento derivanti dalla prescrizione continuativa di ormoni cross-sex in ottemperanza al trattamento prescritto dallo specialista [medico] competente”, ha dichiarato.

Tuttavia, non indennizzeremo alcun membro per le richieste di risarcimento derivanti dalla valutazione dell’idoneità di un bambino o di un adolescente alla transizione, o per le richieste di risarcimento derivanti dalla prescrizione iniziale, anche se le procedure sono state avviate da un team multidisciplinare all’interno di un ospedale”.

“I membri che fanno parte di un simile team multidisciplinare devono assicurarsi di avere una copertura da parte dell’ospedale, del loro datore di lavoro o di un altro fornitore di indennità”.

Queste nuove esclusioni nelle polizze di responsabilità civile professionale di MDA National riguardano i medici di famiglia e gli specialisti che esercitano privatamente. Secondo la legge australiana, i medici non possono esercitare in settori della medicina in cui non hanno una copertura assicurativa.

Se MDA National si dimostrasse irremovibile davanti a qualsivoglia attacco da parte degli attivisti transgender, e gli altri enti assicurativi del settore medico adottassero esclusioni analoghe, l’effetto sarebbe quello di concentrare il rischio legale nelle cliniche di genere degli ospedali pediatrici finanziati dallo Stato.

Il Dottor Philip Morris, presidente dell’Associazione Nazionale degli Psichiatri praticanti in Australia, ha accolto con favore la notizia della decisione sugli indennizzi della compagnia di assicurazioni.

“Ci conforta che i responsabili degli indennizzi per i medici abbiano compreso che la transizione di genere è un cambiamento significativo e può essere irreversibile, e che di conseguenza il trattamento vero e proprio debba essere eseguito solo dopo una valutazione multidisciplinare in ambiente ospedaliero”, ha dichiarato il Dottor Morris a GCN.

Nessun consenso

Copie della guida NAPP sulla gestione della disforia di genere nei giovani – che favorisce una selezione di approcci psicologici etici, rispetto a interventi medici dall’esito incerto – sono state inviate ai politici di tutta l’Australia, ai ministri e ai viceministri della salute e della salute mentale, agli alti funzionari della sanità, ai commissari per l’infanzia, alle società mediche, psicologiche e di assistenza sociale, nonché alle cliniche di genere per giovani.

“Attualmente, sebbene alcuni individui riferiscano di una transizione riuscita, non siamo a conoscenza di studi pubblicati sui risultati a lungo termine che abbiano seguito adulti sottoposti a transizione infantile o adolescenziale e che mostrino benefici sostanziali”, si legge nella guida.

“Di conseguenza, non c’è consenso sul fatto che trattamenti medici come l’uso di farmaci che bloccano la pubertà, ormoni cross-sex o chirurgia di riassegnazione sessuale consentiranno un migliore adattamento psico-sociale”.

Video:Il testosterone ha fortemente peggiorato la mia salute mentale’— storie di detransitioners, da Sex Matters

Trattamento rapido

Non esistono in Australia dati affidabili sull’entità della transizione medica dei minori nel settore sanitario privato, ma le cliniche specialistiche di genere negli ospedali pediatrici pubblici hanno lunghe liste d’attesa e gli attivisti per i diritti dei trans hanno condotto campagne per promuovere gli interventi ormonali presso i medici di famiglia e gli ospedali locali.

Ci sono segnalazioni informali di medici di famiglia che utilizzano il modello rapido, in stile Americano, del “consenso informato” per prescrivere ormoni cross-sessuali a pazienti minori di 18 anni, potenzialmente in violazione della legge sancita dal Tribunale della Famiglia australiano. (Tale tribunale ha approvato mastectomie trans per femmine di 15 anni).

Diversamente dal tradizionale concetto medico-legale di consenso informato, la variante trans è dettata dalla domanda dee paziente e non richiede una valutazione della salute mentale, che potrebbe rilevare motivi per sospendere la transizione e trattare invece altre condizioni alla base del disagio di genere.

Un medico che segue la controversia sulle cliniche di genere ha dichiarato a GCN di ritenere che “l’intera area di trattamento [del cambiamento di genere medicalizzato per i minori] sia andata avanti senza prove adeguate, in primo luogo, di efficacia e, in secondo luogo, di sicurezza”.

“Se introducessimo un trattamento per il cancro, ad esempio, dovremmo dimostrarne l’efficacia in molteplici studi”, ha affermato.

“Bisogna fare studi di fase uno, di fase due e poi uno studio randomizzato prima di prendere in considerazione la possibilità di consentirne l’accesso generalizzato [a un nuovo trattamento per il cancro]”.

Il medico ha detto che per i ricercatori il principale criterio di valutazione della transizione pediatrica dovrebbe essere la prevenzione del suicidio, dal momento che i clinici di genere “dicono a tutti, senza prove, che [la transizione] previene il suicidio”.

“Va benissimo chiedere [ai partecipanti a uno studio]: “Ti senti meglio?”. Non si può misurare. Non è un risultato affidabile”.

In Finlandia, Svezia e Inghilterra, le revisioni sistematiche della letteratura scientifica sulla transizione di genere in età pediatrica hanno rilevato che le prove di efficacia sono scarse, deboli e incerte, non sufficienti a giustificare l’uso di routine al di fuori di un contesto di ricerca formale.


“Abbiamo membri che sono stati accusati di transfobia per aver chiesto di vedere le prove alla base dei trattamenti di genere medicalizzati. Ma è evidente che le prove sono deboli “- Dr Louise Irvine, medico di famiglia in pensione e co-presidente del Clinical Advisory Network on Sex and Gender, un gruppo di medici nel Regno Unito e in Irlanda che fanno campagna per una scienza più rigorosa sulla disforia di genere, articolo di notizie, The Sunday Times di Londra, 7 maggio 2023

“Il livello di preoccupazione è piuttosto alto tra i nostri membri. Abbiamo [medici di famiglia], infermieri, ostetriche, fisioterapisti, accademici. Ma circa la metà dei nostri membri lavora nelle professioni psichiatriche, perché sono stati i primi a riscontrare i rischi dell’assistenza di affermazione di genere e della mancanza di prove”.


Contraccolpo

Mentre molti stati repubblicani negli Stati Uniti sostengono proposte di legge per limitare la transizione pediatrica, lo stato democratico dell’Oregon ha introdotto una legislazione per rafforzare la copertura assicurativa per questi interventi ormonali e chirurgici.

“L’House Bill 2002 definisce il trattamento di affermazione di genere come ‘una procedura, un servizio, un farmaco, un dispositivo o un prodotto che un fornitore di assistenza sanitaria fisica o comportamentale prescrive per trattare un individuo per incongruenza tra l’identità di genere dell’individuo e il sesso assegnato alla nascita’”, afferma un rapporto della National Review.

Il disegno di legge vieta agli assicuratori di negare trattamenti legati al genere ritenuti “necessari dal punto di vista medico” da un “fornitore di assistenza sanitaria fisica o psicologica”. Inoltre, gli assicuratori non possono escludere la copertura di un “servizio cosmetico” ritenuto “necessario dal punto di vista medico”, compresi interventi chirurgici di femminilizzazione facciale, rasature tracheali e procedure di depilazione.

Il disegno di legge richiede anche che i piani assicurativi coprano “le revisioni delle precedenti forme di trattamento di affermazione di genere”. Il direttore del Dipartimento dei servizi per i consumatori e le imprese dell’Oregon ha inviato una lettera al presidente della Camera dell’Oregon Dan Rayfield affermando che il dipartimento chiarirà che il disegno di legge richiede alle compagnie assicurative di coprire gli interventi chirurgici di de-transizione.

Nota: GCN ha chiesto un commento agli assicuratori di indennità medica Avant, Tego, Medical Insurance Group Australia e Medical Indemnity Protection Society. Anche alla lobby che afferma il genere, l’Australian Professional Association for Trans Health, è stato chiesto un commento.

Ti potrebbe interessare anche

Alberto Pellai: “GenerAzioneD è un esempio di voce autorevole”

Disforia di genere: le società pediatriche italiane non rispondono alle domande dei genitori preoccupati

Position paper delle società pediatriche italiane: domanda sul contagio sociale – parte 8

Position paper delle società pediatriche italiane: domanda sull’interpretazione della determina AIFA – parte 7