Auto-diagnosi: la testimonianza di una mamma intervistata da Il Mondo Nuovo 2.0

Elisa, @IlMondoNuovo20, è una giovane sociologa, che pur senza essere coinvolta personalmente dalle problematiche di identità di genere, già da diverso tempo si occupa di studiare e portare alla luce le contraddizioni e i pericoli legati alla diffusione del pensiero gender.

Il focus dei suoi video è quell’ideologia diffusa che promuove l’esistenza di un’identità di genere del tutto scollegata dal corpo sessuato, e sulla base di ciò incoraggia gli individui che soffrono di disforia di genere ad auto-determinare il proprio sesso di appartenenza e dunque procedere con la transizione sociale e medica. Interventi tutt’altro che innocui, che comportano conseguenze negative per il benessere e la salute psicofisica delle persone coinvolte – in gran parte ragazzine preadolescenti e adolescenti che si dichiarano improvvisamente transgender o non binarie, e vengono affermate come maschi trans senza indagare le motivazioni che hanno portato a galla il malessere.

Nel suo nuovo video, Elisa intervista una delle mamme della nostra associazione GenerAzioneD, dando voce alla sua esperienza con la figlia con disforia di genere.

Come sempre, ringraziamo il prezioso lavoro di Elisa e @IlMondoNuovo20

Auto-diagnosi – SGUARDI SUL MONDO NUOVO 2.0 ep#17 con “Sara”

Ti potrebbe interessare anche

Lettera del Servizio nazionale inglese ai responsabili delle cliniche di genere per adulti

Dr. Cass ai giovani con disforia di genere: “La scienza ha sbagliato, ma ora non possiamo farvi decidere al buio”

Cosa si cela in un nome? Lettera di una mamma

L’Accademia Europea di Pediatria invita alla cautela nella gestione clinica di bambini e adolescenti con disforia di genere