I bloccanti della pubertà sono “solo una pausa”? La pediatra risponde

Traduciamo un articolo della rubrica “Ask Dr. Julia” pubblicato il 9 giugno 2022 sul sito Genspect


“Il nostro pediatra ci ha mandato da un endocrinologo pediatrico, dopo aver sentito che mio figlio non era soddisfatto del suo sesso. L’endocrinologo ha detto che i bloccanti della pubertà sono come un pulsante di pausa, che dà ai bambini la possibilità di capire come stanno le cose. È d’accordo con questa affermazione?”

I bloccanti della pubertà sono molto più di una pausa innocua. Gli agonisti dell’ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH) agiscono sul cervello per bloccare il rilascio delle gonadotropine che normalmente stimolano le gonadi a produrre testosterone, estrogeni e progesterone. Questi ormoni sessuali agiscono sul corpo e sul cervello in una miriade di modi complicati. Gli agonisti del GnRH sono stati originariamente sviluppati per trattare il carcinoma della prostata ormoni sensibile e sono stati utilizzati per la “castrazione chimica” dei criminali sessuali maschi. Vengono utilizzati nelle donne con endometriosi, ma non per più di 6 mesi a causa dei notevoli effetti collaterali. (Si può tentare un secondo trattamento di 6 mesi se la paziente viene integrata con estrogeni e progesterone).

Dal 1981, gli agonisti del GnRH (“bloccanti della pubertà”) sono stati utilizzati nei bambini molto piccoli con pubertà precoce centrale. Le raccomandazioni attuali prevedono l’uso di questi farmaci solo per le bambine sotto i 6 anni o per i bambini sotto i 9 anni. In una situazione in cui, ad esempio, si sospende la pubertà dai 6 agli 8 anni in una ragazza, la pubertà sembra di solito riprendere e procedere in modo normale quando i bloccanti della pubertà vengono rimossi, con un recupero della densità ossea perduta, almeno nelle ragazze. Non sono sicura che si possa estrapolare questa esperienza ai bambini più grandi trattati con bloccanti della pubertà come parte di un piano di trattamento di genere. Ci sono molte testimonianze di donne che hanno sofferto di effetti collaterali a lungo termine dopo il trattamento con agonisti del GnRH, sia per la pubertà precoce che per l’endometriosi.

Una delle mie prime preoccupazioni riguardo alla medicina di genere pediatrica si è sviluppata quando tutti mi hanno detto che il 99% dei bambini (come i dodicenni) trattati con bloccanti della pubertà sono poi passati agli ormoni cross sex e ai trattamenti chirurgici. Questo fenomeno era presentato come prova del fatto che “i bambini sanno” a quale genere appartengono e che dovremmo fidarci di loro e assecondarli.

Come pediatra con oltre 25 anni di esperienza, so che è improbabile che il 99% dei bambini di 12 anni rimanga fedele a una decisione. Cambiano idea! Spesso.

È normale. L’adolescenza è un periodo di formazione dell’identità, in cui i giovani sono molto concentrati sui loro coetanei e sul loro inserimento.

Nonostante l’affermazione comune che gli agonisti del GnRH siano completamente reversibili, se i bloccanti della pubertà vengono somministrati a un bambino proprio all’inizio della pubertà, le sue gonadi non si svilupperanno e molto probabilmente sarà sterile. La dottoressa Marci Bowers, forse il più importante chirurgo di genere degli Stati Uniti, ha osservato che quando la pubertà di un bambino viene bloccata prima che egli sperimenti un orgasmo, è improbabile che sviluppi mai la capacità di averlo. Un chiaro problema chirurgico per i maschi è che se i bloccanti della pubertà vengono iniziati a Tanner 2 (l’inizio della pubertà), il pene e lo scroto rimangono piuttosto piccoli e per creare una vagina artificiale è necessario utilizzare tessuto aggiuntivo (come un pezzo di colon).

Quando si somministrano agonisti del GnRH a ragazzi più grandi, non si blocca la pubertà: si interrompe la pubertà. Se una ragazza ha già iniziato le mestruazioni, questi farmaci la porteranno in menopausa immediata, con vampate di calore, annebbiamento del cervello e tutto il resto, ma in tempi accelerati. Gli estrogeni, il testosterone e il progesterone agiscono su quasi tutte le parti del corpo, non solo sulle cose più ovvie come la crescita del pene e del seno o lo sviluppo di peli corporei di tipo adulto. Gli ormoni sessuali agiscono sul cervello e sono essenziali per la maturazione.

In Svezia hanno interrotto l’uso dei bloccanti della pubertà (in quasi tutte le circostanze). L’ospedale svedese Karolinksa si è autodenunciato all’Ispettorato per la Salute e l’Assistenza Sociale in seguito a molteplici eventi avversi in giovani trattati con agonisti del GnRH, come lo sviluppo di una significativa osteoporosi con fratture vertebrali che hanno portato a dolore cronico. Nel Regno Unito, il National Institute for Health and Care Excellence (NICE) ha pubblicato una revisione sistemica da cui è emerso che gli agonisti del GnRH determinano pochi o nessun cambiamento nella disforia di genere, nella salute mentale, nell’immagine corporea e nel funzionamento psicosociale. Nei pochi studi che hanno riportato cambiamenti, i risultati potevano essere attribuiti a bias o al caso, oppure sono stati ritenuti inaffidabili. In Finlandia si sta dando priorità all’uso della psicoterapia e si sta limitando l’uso dei bloccanti della pubertà a causa della mancanza di prove a loro favore.

Sembra che solo in Nord America (negli Stati Uniti e in Canada) si continuino a usare questi potenti agenti ormonali con pochissima preoccupazione per la possibilità di diagnosi errate o di esiti negativi.

Julia Mason scrive regolarmente per Genspect e ha oltre 25 anni di esperienza come pediatra.

Ti potrebbe interessare anche

"Foto di Enriscar, 'FIRENZE-NUOVO PALAZZO DI GIUSTIZIA', distribuita sotto licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0), via Wikimedia Commons."

Reparto disforia di genere del Careggi: la procura di Firenze apre un’inchiesta

Perché non mi hanno fermata?

Suicidio. Nuovi studi, vecchi studi e un mito intramontabile

Genspect non vuole sostituire la WPATH (vogliamo proprio chiuderla!)