Il progetto di una vita: lettera di un terapeuta a un adolescente trans-identificato

Pubblichiamo una nostra traduzione di un articolo dell’analista e terapeuta americana Lisa Marchiano pubblicato nel maggio 2018


La terapeuta e analista junghiana Lisa Marchiano ha ricevuto di recente la seguente e-mail. Lei e l’autore dell’e-mail hanno concordato che Lisa avrebbe risposto alle domande dell’autore in un forum pubblico, e l’autore ha gentilmente accettato di permettere che la sua e-mail accompagnasse la risposta di Lisa.

Lisa è presente su Twitter all’indirizzo @LisaMarchiano e sul suo sito

Si prega di notare che questo post è inteso solo a scopo educativo e non intende sostituire la consulenza professionale.


Email di un adolescente trans-identificato:

Salve. Ho quasi 16 anni e recentemente ho letto alcuni dei suoi scritti sulla “Disforia di genere a insorgenza rapida” (Rapid Onset Gender Dysphoria o ROGD). Attualmente mi identifico come transgender da quasi 2 anni, ma essendo un iper-pensatore cronico, mi interessa espormi a punti di vista e idee diversi dai miei. Se i miei genitori sapessero cos’è il ROGD, probabilmente sosterrebbero che faccio parte di questa categoria. Ho fatto coming out circa un anno fa e non avevo mostrato alcuna disforia di genere nella prima infanzia. A loro, probabilmente, è sembrato un po’ “un fulmine a ciel sereno”, anche se io lo sapevo già da un anno, avevo iniziato la transizione (tagliandomi i capelli e comprando i vestiti nel reparto maschile) e mi ero messo in discussione fin dalla pubertà. Non ho problemi di salute mentale o fisica e ho un’ampia cerchia di amici, nessuno dei quali è transgender o omosessuale (anche se uno dei miei amici è asessuale e la mia ragazza è bisessuale). Sono quasi certo di essere transgender, ma il suo scritto mi ha fatto riflettere e ho alcune domande da porle.

Se quello che sto vivendo è un ROGD, e semplicemente un meccanismo di coping per qualcos’altro, quali segni potrei cercare in me stesso per capirlo? Lei ha parlato molto del lato genitoriale dell’equazione, ma cosa posso fare io, come adolescente trans, per assicurarmi che non mi stia “ingannando” nel credere a questo?

Quando ritiene che un’identità trans sia valida? Non sono certo in disaccordo con lei sul fatto che ci sono molti adolescenti della mia generazione che “diventano” trans perché è di moda, senza avere sintomi di disforia di genere (conosco una persona così). Ma lei pensa che le persone trans debbano soddisfare determinati criteri per essere considerate trans ed essere prese in considerazione per la transizione medica? Se sì, quali criteri? Crede che la disforia di genere possa presentarsi già durante la pubertà?

Grazie per aver letto e, spero, per la sua risposta. Apprezzo molto il suo tempo.


Risposta di Lisa Marchiano:

Grazie per avermi scritto un’e-mail così profonda e per la tua disponibilità a ricevere risposta qui, in questo forum pubblico. Prima di tutto, è ovvio che questa lettera non può prendere il posto della terapia. Non posso fare diagnosi a distanza. Dopotutto, sono solo una sconosciuta su Internet e questa è solo la mia opinione. Credo che sia un’opinione informata, ma non può prendere il posto di un confronto faccia a faccia su questioni importanti con qualcuno che ti conosce bene. Analizzare questi problemi con un terapeuta qualificato che possa aiutarti a riflettere sui tuoi sentimenti in modo aperto, senza precludere prematuramente l’esplorazione, può essere molto utile. Inoltre, spero che un giorno ti sentirai a tuo agio a parlarne con i tuoi genitori. Può darsi che non capiscano molte cose, ma probabilmente non esiste nessuno sul pianeta che sia più fermamente dalla tua parte di loro.

Come junghiana, vedo la salute psicologica in termini di movimento verso la completezza. Nel corso della nostra vita, dovremmo integrare sempre più aspetti di noi stessi, comprese parti che possono essere “femminili” e parti che possono essere “maschili”. Questo processo di crescita, che dura tutta la vita, implica che diventiamo più grandi e più complessi man mano che prendiamo coscienza di più aspetti di noi stessi. Non credo che abbia senso pensare in termini di identità, poiché ciò implica un’unica “verità” permanente su noi stessi, un punto finale che può essere determinato in modo assoluto. Piuttosto, credo che continuiamo a crescere e a cambiare nel corso della nostra vita.

Non esistono prove attendibili di un’identità di genere innata. Il nostro senso di genere sembra essere una caratteristica emergente che nasce da una complessa interazione tra il nostro corpo, la nostra mente e il contesto sociale. Sebbene ci sia quasi certamente una componente biologica nella disforia di genere, è probabile che venga anche modellata dalla nostra storia di vita. Il modo in cui sperimentiamo noi stessi in termini di genere – cioè come più o meno maschi, o femmine, o entrambi – è plasmato dalla nostra famiglia, dalla nostra rete sociale allargata, che comprende amici e insegnanti, e dalla cultura, compresa la pubblicità, YouTube e altri social media. Anche le esperienze traumatiche, come la perdita di una persona cara, il divorzio dei genitori o abusi emotivi, fisici o sessuali, possono influenzare la nostra esperienza di genere.

La disforia di genere può presentarsi per la prima volta durante la pubertà? È chiaro che molti giovani si sentono disforici durante l’adolescenza. Quasi tutte le femmine biologiche provano disagio nei confronti del proprio corpo durante la pubertà. Mi chiedo se la domanda che si sta ponendo è se nel caso la disforia compaia in adolescenza, ma non prima, ciò significhi che la persona non si debba identificare come trans. La risposta è complicata e non credo di poter rispondere al posto tuo. Anche in questo caso, si tratta di una questione da esplorare con un terapeuta che possa davvero conoscere la tua particolare situazione. Posso dire che, in base alla mia conoscenza della letteratura medica, la disforia che si presenta per la prima volta durante la pubertà era insolita (anche se non sconosciuta) fino a poco tempo fa.

La disforia di genere a esordio rapido (ROGD) sembra essere un fenomeno relativamente nuovo, di cui non si capisce ancora molto. Sembra che la presentazione tipica di un adolescente con disforia di genere ad esordio rapido sia caratterizzata da una notevole influenza sociale, sia online che da parte dei coetanei, oltre a comorbilità e/o vulnerabilità psichiatriche. Sulla base di rapporti aneddotici, molti adolescenti ROGD decidono per la prima volta di essere trans dopo aver consultato Internet. Ci sono pochissime ricerche in merito, ma quelle poche sembrano indicare un esito diverso per chi presenta la ROGD (nessuna disforia nell’infanzia, tassi più elevati di comorbidità psichiatrica, influenza sociale) rispetto a chi ha la presentazione più tipica della disforia di genere. E gli esiti sono importanti, perché in fin dei conti vogliamo che tutte le persone stiano nel miglior modo possibile.

Spesso le persone vengono in terapia per discutere di decisioni difficili. Ti illustrerò un po’ come aiuto le persone a esplorare le loro opzioni. Se dovessi trovare un terapeuta con cui affrontare questa discussione, ecco alcuni aspetti che potreste esaminare insieme.

C’è una differenza tra ciò che proviamo e quello che scegliamo di fare in virtù di queste emozioni. Sono fermamente convinta che tutte le emozioni siano valide e importanti. Dovremmo essere incoraggiati a provarle, a prenderle sul serio, a rispettarle e a essere curiosi nei loro confronti. Possiamo prendere sul serio le nostre emozioni e validarle senza che ciò significhi che dobbiamo agire in un particolare modo sulla base di essi. Ad esempio, se siamo molto arrabbiati con qualcuno, i nostri sentimenti di rabbia sono legittimi e meritano di essere vissuti. Ciò che facciamo di questa rabbia, ad esempio se aggrediamo la persona, è una questione completamente diversa. Quando valuto cosa farmene delle emozioni, sono sempre interessata a capire se un certo comportamento è adattivo o disadattivo.

Lascia che ti spieghi meglio cosa intendo. Quando qualcuno viene da me con una domanda o un problema, trovo molto utile esaminare la questione attraverso la lente del pragmatismo. Sono interessata a individuare ciò che funziona per quella persona in particolare. Ciò significa che chiedo di mettere da parte, almeno per il momento, i giudizi basati su valori, morale o ideologia, e di esplorare se una determinata risposta funziona.

Cosa intendo con “funziona”? In un certo senso, ognuno di noi può definirlo da sé, e la definizione di una persona potrebbe essere molto diversa da quella di un’altra. Ma ci serve un terreno solido su cui poggiare, quindi ecco una risposta generale: qualcosa funziona se vi aiuta a “fare la vostra vita”. Freud diceva che le pietre miliari di una vita mentalmente sana sono la capacità di amare e di lavorare, e credo che questo sia un ottimo punto di partenza. Per avere una vita appagante, in genere abbiamo bisogno di un lavoro che troviamo significativo e di relazioni durature, e che alcune di esse siano realmente intime. A queste due voci ne aggiungerei una terza: una strategia di vita può essere considerata funzionale se protegge la nostra salute fisica, o almeno non la ostacola. In sintesi, qualcosa funziona ed è adattivo se non interferisce con la nostra capacità di lavorare, amare e mantenere la nostra salute.

Se l’identificazione come transgender per un individuo è adattiva o disadattiva dipenderà dalla situazione particolare della persona. Se consideriamo una femmina alla nascita che ha un’esperienza interiore di mascolinità (e io, in effetti, credo che tutte le femmine abbiano tratti maschili e che la nostra esperienza del lato maschile di noi stessi possa essere molto importante dal punto di vista psicologico), allora identificarsi come maschio potrebbe essere molto liberatorio, esaltante e favorire la crescita. Potrebbe consentire alla persona di impegnarsi in modo produttivo nel lavoro e nelle relazioni. In questo caso, un’identità transgender risulterebbe adattiva.

Ci possono anche essere casi in cui l’identificazione come transgender può non essere adattiva. Questo probabilmente dipenderà in parte dal significato che diamo all’identificazione come trans. Per esempio, se l’identificazione come transgender implica la necessità di essere percepiti come maschi quando invece siamo di sesso femminile, ci mettiamo in una posizione vulnerabile, poiché diamo agli altri il potere sul nostro senso di noi stessi. Non possiamo controllare come gli altri ci vedono. Mettersi nella posizione di sentirsi bene solo quando gli altri ci percepiscono e ci convalidano come vogliamo essere percepiti, invece di concentrarci sullo sviluppo dell’accettazione di sé e della resilienza di fronte agli insulti o ai rifiuti, è una decisione che può contribuire a peggiorare la salute mentale. A sua volta, potrebbe rendere più difficile la concentrazione al lavoro o a scuola. Potremmo sottrarci alle amicizie o ad altre relazioni importanti. Se così fosse, potremmo dire che la nostra identificazione trans si sta rivelando disadattiva.

Inoltre, se l’identificazione come transgender significa che ci consideriamo letteralmente maschi quando il nostro corpo è femminile, potremmo sperimentare una dissonanza cognitiva. La dissonanza cognitiva si riferisce alla tensione interiore che proviamo quando convinzioni importanti vengono contraddette dall’evidenza. Può essere molto spiacevole. Gli psicologi hanno studiato persone le cui forti convinzioni sono in conflitto con evidenze concrete. (La teoria della dissonanza cognitiva è stata sviluppata da uno psicologo che studiò un culto dell’apocalisse e cosa accadde alle credenze dei membri del culto quando il mondo non finì come pronosticato dal loro leader). I ricercatori notano che abbiamo la tendenza a “raddoppiare” le nostre false credenze per risolvere la tensione interna. Le nostre convinzioni diventano più estreme e ci impegniamo ancora di più dentro di noi per giustificare o riconciliarci con la convinzione che è stata messa in discussione. (Questo non vale solo per i membri delle sette, ma per tutti noi).

Chi si identifica come transgender può soffrire di dissonanza cognitiva. Questo spesso peggiora la disforia. Ho sentito molte desisters e detransitioners raccontare che identificarsi come transgender li ha fatti sentire peggio, perché hanno dovuto sopportare una tensione costante dovuta al fatto che il loro corpo avesse un aspetto e un comportamento diverso da quello che ritenevano dovesse avere. Ciò può indurre a un pensiero ossessivo e persistente, che può essere estenuante e causare un aumento dell’angoscia e dell’ansia. Sposare una convinzione che contraddice la realtà può essere la ricetta per l’infelicità, poiché probabilmente avremo bisogno di sforzarci di diventare ciò che non siamo. Questo è uno dei motivi per cui molte sagge tradizioni e scuole di psicoterapia ci invitano a coltivare l’accettazione di ciò che non possiamo cambiare.

La blogger ladyantitheist articola in modo eloquente il sentimento di cui sopra nel suo post sulla sua identificazione trans e sulla sua rinuncia ad essa:

Uno dei problemi più grandi dell’essere transgender, secondo me, è che nasce da un’infelicità e che l’impossibilità della soluzione adottata amplifica l’infelicità. Avere i capelli corti non ti dà un pomo d’Adamo, le iniezioni di testosterone non cambiano la tua struttura ossea, una falloplastica non ti permette di produrre sperma. Più vai nel concreto, più aumenta il divario tra te e l’essere un vero maschio. Liberarsi dal compito di scalare una montagna la cui cima non potrà mai essere raggiunta è l’unica possibilità di essere davvero felici. Alla fine ho smesso di cercare di essere convalidata come qualcosa che non sarei mai stata e ho iniziato il processo di amare me stessa.

Se identificarsi come transgender amplifica la nostra infelicità nei confronti del nostro corpo, se ci spinge a focalizzarci su aspetti del nostro corpo che non ci piacciono, allora direi che farlo probabilmente non è adattivo.

C’è un’altra riflessione importante da fare quando si valuta se l’identificazione come transgender funziona, e riguarda il preservare la nostra salute fisica. Se identificarsi come transgender significa sentirsi costretti ad assumere comportamenti che potrebbero causare danni a lungo termine al nostro corpo, allora potrebbe essere disadattivo. La fasciatura del seno può provocare il collasso dei polmoni, la compressione delle costole e problemi alla schiena, e alcuni riferiscono di continuare a soffrire di effetti negativi anche dopo aver smesso di fasciarsi. Le mastectomie rimuovono tessuto sano e possono provocare cicatrici dolorose. Il testosterone provoca atrofia vaginale e può danneggiare la fertilità. Può influire negativamente sul profilo lipidico, sulla densità ossea e sulla funzionalità epatica. Può aumentare il rischio di infarto e di diabete. Attualmente sono in corso 6.000 cause contro i produttori di farmaci che riguardano persone di sesso maschile che hanno assunto testosterone e hanno avuto coaguli di sangue, attacchi di cuore, ictus e morte improvvisa. La falloplastica è nota per avere un alto tasso di complicazioni, che in alcune circostanze possono essere gravi e debilitanti. Se uno dei parametri fondamentali per stabilire se qualcosa “funziona” è l’aiutarci a preservare e mantenere il benessere fisico, la transizione medica in molti casi non sembra funzionare.

La transizione medica può quindi essere adattiva? Sì, credo di sì. Ci sono adulti trans che sentono che la loro capacità di amare e lavorare è stata migliorata dalla transizione. Sono dell’idea che coloro che traggono beneficio dalla transizione abbiano intrapreso un solido percorso durante il quale hanno esplorato il proprio genere, affrontato eventuali problemi di fondo e nutrito aspettative realistiche sui risultati della transizione. Poiché la transizione compromette la salute fisica, è importante considerare attentamente questo passo ed essere sicuri che i benefici saranno superiori ai rischi significativi già noti e ancora sconosciuti.

Vorrei suggerire un’altra regola empirica per valutare se una particolare strategia di vita è adattiva o disadattiva. A parità di condizioni, è meglio preservare le opzioni e mantenere la flessibilità. A maggior ragione quando ci troviamo nella prima metà della vita. In caso di dubbio, lasciate aperte le opzioni. Una delle mie preoccupazioni riguardo alla transizione medica per i giovani è che si riducano le opzioni future. La mastectomia elimina definitivamente la possibilità di allattare. L’assunzione di testosterone può renderci sterili. Anche se pensiamo di non voler mai diventare genitori, è comunque utile salvaguardare la possibilità di farlo in futuro. E la fertilità non è l’unica opzione da proteggere. Una persona che ha intrapreso una transizione significativa verso un’altra espressione di genere e poi ha seri problemi può trovarsi di fronte a sfide ancora più ardue delle precedenti. La facoltà di esprimersi può essere seriamente e, in alcuni casi, profondamente limitata. La transizione rischia di limitare notevolmente altre scelte di vita.

Siamo davvero tutti dei “lavori in corso”. Il nostro senso di noi stessi continuerà a cambiare e a spostarsi nel corso della nostra vita. Può essere allettante cercare certezza in tempi tumultuosi, ma diffiderei di qualsiasi impellenza. In realtà, il tempo è dalla tua parte. Mantenendo la curiosità – che evidentemente hai – e sperimentando cose nuove, raccoglierai nuove e migliori informazioni che ti aiuteranno a decidere cosa funziona per te. Uno degli aspetti utili di un modello pragmatico per valutare le strategie di vita è che lascia spazio al cambiamento. La maggior parte delle strategie non funziona per sempre. Per ogni decisione che prendiamo, possiamo chiederci: sta funzionando? E poi, qualche mese dopo, sta ancora funzionando? Se la strategia ci sta aiutando a vivere appieno la nostra vita più di quanto ci stia ostacolando, sappiamo che dobbiamo continuare a perseguirla. Se arriva il giorno in cui ci rendiamo conto che quella strategia è diventata più dannosa che vantaggiosa, allora è il momento di abbandonarla. Non dobbiamo limitare noi stessi in base a rigide convinzioni su ciò che è giusto o sbagliato.

Mentre lavoravo a questa risposta, stavo leggendo un romanzo intitolato The Nix di Nathan Hill. Parte del romanzo è la storia di una donna di nome Faye, che fa la sua vita mentre cerca di scoprire chi è veramente. Verso la fine del libro, l’autore fa alcune osservazioni sul modo in cui comprendiamo noi stessi che mi sono sembrate molto sagge. Lascio a lui l’ultima parola.

Nella storia degli uomini ciechi e dell’elefante, quello che di solito non si considera è il che la descrizione di ogni uomo era corretta. Quello che Faye non vuole capire e forse non capirà mai è che non esiste un solo vero sé nascosto da molti falsi. Piuttosto, c’è un vero sé nascosto da molti veri sé. Sì, è la studentessa mite, timida e laboriosa. Sì, è la bambina impaurita e spaventata. Sì, è la seduttrice audace e impulsiva. Sì, è la moglie, la madre. E anche molte altre cose. La sua convinzione che solo una di queste sia la vera sé oscura la verità più grande, che in definitiva era il problema dei ciechi e dell’elefante. Il problema non era che fossero ciechi, ma che si erano arresi troppo in fretta, e non hanno mai saputo che c’era una verità più grande da cogliere…. Vedere noi stessi con chiarezza è il progetto di una vita.

Ti potrebbe interessare anche

Alberto Pellai: “GenerAzioneD è un esempio di voce autorevole”

Disforia di genere: le società pediatriche italiane non rispondono alle domande dei genitori preoccupati

Position paper delle società pediatriche italiane: domanda sul contagio sociale – parte 8

Position paper delle società pediatriche italiane: domanda sull’interpretazione della determina AIFA – parte 7