Conversazioni reali, una alla volta, sui pericoli del trangederismo per i giovani

Pubblichiamo di seguito una nostra traduzione di una testimonianza da Parents with Inconvenient Truths about Trans pubblicata il 3 giugno 2022. Articolo originale

Quando più di quattro anni fa mia figlia si è rivolta a me e a suo padre per dirci che era un ragazzo transgender, mi è mancata la terra sotto i piedi. Come ho capito rapidamente, lei era l’incarnazione della ragazza con disforia di genere a insorgenza rapida (ROGD): genitori liberali e di ampie vedute, da bambina tutto ciò che era principesco e rosa, un baule pieno di vestiti per il travestimento e una totale insofferenza per le persone che vedevano il suo taglio di capelli corto e non riuscivano a capire che era OVVIAMENTE una femmina. Ovviamente! Ma quando ha iniziato il liceo, la mia piccola femminista cool si è presentata come “Tommy” e – di nuovo, un altro cliché – i suoi insegnanti e l’intera amministrazione scolastica hanno cospirato per chiamarla “Tommy” e “lui” a scuola, mentre usavano il suo vero nome in faccia a noi, gli unici genitori che avrà mai.

Ancora oggi, è il tradimento della scuola a farmi arrabbiare e frustrare di più. Perché – attenzione, spoiler – la nostra trans-insanità ha avuto una fine sorprendentemente felice e veloce. Il giorno dopo la fine del suo primo anno di liceo, mi sono offerta di portare mia figlia a fare shopping per comprare vestiti estivi. Siamo entrate nel reparto junior di un grande magazzino locale e lei ha scelto alcuni pantaloncini, top e un nuovo costume da bagno da ragazza. Al momento non ho detto nulla, ma più tardi, quella sera, sono quasi crollata per il sollievo e la gioia quando ho raccontato a mio marito del nostro shopping. Per quattro mesi, la nostra camera da letto è stato l’unico posto in cui abbiamo potuto parlare di nostra figlia, usando il suo vero nome e la sua vera identità sessuale. E’ stato l’unico rifugio dalla folle farsa a cui siamo stati obbligati a partecipare all’esterno.
Ma questa è una storia che è stata raccontata molte volte su queste pagine. Il mio racconto di oggi ha lo scopo di porre fine all’inutile e dannosa medicalizzazione dei bambini con problemi di salute mentale e alle prese con le normali sfide della crescita. Mia figlia ha desistito, ma so quanti altri bambini e genitori stanno soffrendo a causa di questo culto della morte che nega la realtà che è il transgenderismo.


Sono un’accademica nordamericana nel campo degli studi sulle donne e sul genere e sono protetta dal grande privilegio della cattedra. Avevo un alto profilo su internet, quindi quando nel 2018 ho saputo dell’articolo pionieristico di Lisa Littman, sono andata sui social media per esortare i colleghi accademici a leggere l’articolo e, anche se non erano d’accordo con le sue conclusioni, a sostenere la sua libertà accademica. Ho anche cercato di coinvolgere le persone su quello che ritenevo un ovvio punto di vista femminista, ovvero che dovremmo incoraggiare le ragazze ad amare il loro corpo in via di sviluppo, non a danneggiarlo indossando i pettorali (o, per certi versi, gli ancor più inquietanti e sicuramente influenzati dalla pornografia “packer”). Che sciocca a pensare che queste non fossero opinioni controverse da condividere per una studiosa!

Potete immaginare cosa è successo dopo. Sì, nei tre anni successivi sono stata presa di mira ripetutamente attraverso i social media per l’alto crimine di “transfobia”. Questi lettori della mente mi hanno chiamato con ogni tipo di nome e mi hanno attribuito ogni tipo di motivazione malvagia. Mi sono state inviate e-mail ingiuriose e sono stata accusata di aver “cancellato l’esistenza” di diverse persone con avatar Anime con le sole opinioni che avevo in testa. Amici di lunga data online hanno silenziosamente “smesso di seguirmi” o mi hanno bloccata; ho sentito da altri amici che c’erano campagne che spingevano i miei follower ad abbandonarmi perché sono una “nota transfobica”. Ho persino perso un’amicizia trentennale con una donna che consideravo la mia migliore amica nel mio campo. Si tratta di una donna che una volta mi rimproverava perché “non mi impegnavo abbastanza” per allattare mia figlia, e ora è completamente d’accordo con la medicalizzazione degli adolescenti e l’amputazione di parti del corpo sane.
Le folli distorsioni di questo movimento sarebbero divertenti se le loro conseguenze non fossero così orribili. Ma, fortunatamente i veri credenti, come la mia ex-amica, nel mondo reale sono rari.

Da allora ho abbandonato completamente i social media. Le camere dell’eco in cui cadiamo tutti sono distorte in modo allarmante e ci spingono sempre più in strani angoli ideologici in cui non saremmo mai spinti nella vita reale. Così, dopo quindici anni online, sono entrata “di nascosto” nel mondo reale, conversando con le persone a tu per tu sul transgenderismo e sul suo pericolo per i giovani. In parte, mi sono ispirata all’esempio di Christopher Ellston, o @BillboardChris su Twitter, che esce in pubblico con le sue scarpe da ginnastica bianche e il suo cartello per avere conversazioni a tu per tu con i passanti sull’ideologia transgender e su come questa danneggi i giovani.

Per prima cosa, ho iniziato a sollevare la questione con i colleghi del mio dipartimento accademico. In decine di conversazioni silenziose a tu per tu negli uffici delle persone, non c’è stata una sola persona che non sia stata d’accordo con me, che mi abbia dato del bigotto o che mi abbia rimproverata per i miei crimini di pensiero. La maggior parte mi ha ringraziato per aver sollevato il problema, dicendomi cose come: “sono terrorizzato dal fatto che se uso la parola sbagliata con uno studente universitario verrò licenziato”, o “sono così felice che tu abbia sollevato la questione, perché pensavo di essere solo io a non riuscire a dare un senso a questo movimento”. Ho persino sollevato la questione con un collega che ha un figlio trans-identificato, e mi ha detto di essere completamente d’accordo con me e di essere terrorizzato per la salute e il benessere futuro di suo figlio. Certo che lo è – ha occhi e orecchie, è padre di due figli e sa bene che gli esseri umani sono, come gli altri mammiferi, sessualmente dimorfi. Questo è il mondo reale in cui vive la maggior parte delle persone, non quella casa virtuale ben poco divertente del “ti faccio credere” e del “facciamo finta”.
Poi, quando mi sono confrontata via e-mail con amici e conoscenti, ho chiesto delle loro figlie e alcuni mi hanno risposto che le loro figlie al momento credevano di essere i loro figli o di essere “non binarie”. Quando ho detto loro che sapevo cosa stavano passando a causa della breve identificazione trans di mia figlia e che avevo seri problemi con quello che vedo come un caso di contagio adolescenziale e di psicosi di massa abilitato da Internet, loro (ognuno di loro – e tutti uomini) hanno detto di essere d’accordo e di essere così felici di sapere che non erano soli nella loro eresia. Erano sconcertati: come me si consideravano tutti bravi liberali e persone accettanti, ma non pensavano che i loro figli fossero transgender. Ho condiviso con loro tutte le solite risorse: Genspect, Transgender Trend, 4th Wave Now, PITT, gli articoli di Lisa Marchiano, Irreversible Damage di Abigail Shrier, Trans: When Ideology Meets Reality e Material Girls di Kathleen Stock, e il podcast “Gender: A Wider Lens” con Sasha Ayad e Stella O’Malley. Li ho rassicurati che non erano bigotti o gente piena d’odio: erano solo padri che amavano le loro figlie e che probabilmente sapevano cosa fosse meglio per i loro rispetto ad anonimi dall’avatar Anime su Internet.

Penso che faccia la differenza per i colleghi liberali, e soprattutto per gli uomini, sentirlo dire da una donna che è una femminista professionista. Negli ultimi tempi mi sento come una sorta di Testimone di Geova gender critical: “Oggi qualcuno ti ha parlato di transgenderismo?”. Ma non continuerei a farlo se le persone non fossero disposte a parlare con me. (E che ci crediate o no, non sono sempre io la persona che solleva l’argomento).
Più recentemente ho avuto queste conversazioni a tu per tu con donne e uomini della mia comunità. Alcune di queste sono persone che incontro regolarmente: un contadino al chiosco della fattoria, il mio parrucchiere, il proprietario di una libreria, un istruttore di fitness o gli insegnanti locali. Alcune di queste persone sono liberali, altre più conservatrici e altre ancora di destra. Ma sapete una cosa? Tutti ascoltano e si aprono subito con domande su domande, e queste conversazioni possono andare avanti per ore. Nessuno nel mondo reale crede a questa vita di fantasia guidata da internet di alcuni adulti disturbati e, purtroppo per noi genitori, di alcuni dei nostri figli mentalmente fragili. La maggior parte è sollevata nel sentire che “persino una professoressa universitaria femminista di sinistra” pensa che sia una follia. Se un maggior numero di noi ne parlasse con altri, potremmo apportare cambiamenti reali nei consigli scolastici e nelle nostre comunità quando vediamo che l’ideologia di genere sta mettendo radici.

La maggior parte delle persone che guardano questa parata possono vedere che “il re è nudo”. La stragrande maggioranza delle persone vede ciò che sta accadendo e vede quanto sia dannoso per i giovani, per le loro famiglie e per la nostra società che ci venga chiesto di applaudire alle bugie e di partecipare a finzioni dannose. Così come gran parte dei consigli di PITT si concentrano sulla necessità di portare i ragazzi via da internet per impegnarsi con i loro corpi reali nel mondo materiale, allo stesso modo noi genitori e gli altri adulti dobbiamo abbandonare le urla da palcoscenico online e iniziare a parlare con le persone reali nel mondo reale, e ad ascoltarle. Le persone reali riconoscono una persona vera quando la vedono. Riescono a capire quando siete onesti riguardo alle vostre opinioni e sono più che disposti a condividere le loro, se pensano che non li rimprovererete per aver usato la parola “sbagliata” o li sgriderete per aver condiviso quella che è stata definita una “cattiva opinione”.

Nel frattempo, mi trovate al mercato ortofrutticolo, al parco, al campus, in biblioteca, in caffetteria e sull’autobus, per creare connessioni autentiche con persone reali nel mondo reale. Incoraggio tutti voi a fare lo stesso, soprattutto se non siete genitori di un bambino trans identificato. Molti di loro in questo momento sono troppo preoccupati per i loro figli per poter essere totalmente sinceri, quindi spetta a noi altri rendere sicuro questo mondo reale in cui persone reali che possano esprimere idee ed opinioni reali.

Ti potrebbe interessare anche

Perché non mi hanno fermata?

La trappola della disforia di genere

Sentirsi un impostore – prima, durante e dopo la transizione

Derubata così tante volte