Prospettiva di una detransitioner

Prospettiva di una detransitioner: come i miei genitori avrebbero potuto sostenermi meglio.

Pubblichiamo una nostra traduzione di un articolo di PITT pubblicato il 8 giugno 2022

Abbiamo avuto la fortuna di sentire una detransizionata , che ha accettato di rispondere alle nostre domande riguardo ciò che i suoi genitori avrebbero potuto fare per aiutarla a superare la sua complessa situazione. Ecco le sue risposte. Tutti possiamo trarre beneficio dalle sue intuizioni e capire che molti sono i fattori in gioco e che i genitori hanno un impatto profondo e talvolta (anche involontariamente) negativo, almeno dal punto di vista dei loro figli. Nel mondo gender fluid , girano molta vergogna e sensi di colpa.

Domanda: Cosa avresti voluto che ti dicessero i tuoi genitori?

Poiché gran parte del mio trauma deriva dall’abuso verbale da parte dei miei genitori, ci sono molte cose che vorrei che NON mi avessero detto, come le migliaia di osservazioni offensive che hanno abbassato la mia autostima e mi hanno fatto sentire inaccettabile e mi hanno fatto vergognare da bambina, adolescente e giovane adulta.

 Avrebbero invece dovuto dire che ero una ragazza con molte qualità positive e degna  di amore, con un grande potenziale e lodare i miei risultati, nonostante avessi emozioni intense e soffrissi di autismo.

Dal momento che sento che il degrado verbale dei miei genitori ha svolto un ruolo così importante nel processo di formazione della mia identità , è difficile per me sapere cosa avrebbero dovuto dire, per contrastare il danno fatto alla mia autostima. Spesso questi complessi problemi di salute mentale che si traducono in un’identità trans richiedono riparazioni relazionali a lungo termine.

Non esiste una soluzione rapida o frasi che possano impedire ad un giovane traumatizzato di formarsi un’identità trans. Sento che all’epoca sarebbe stato utile sapere che i miei problemi di salute mentale e sociali erano legati ad un problema familiare e che avremmo lavorato tutti insieme per risolverli. Invece ho sentito di essere stata incolpata di essere malata di mente e sbagliata . Sarebbe stato utile sentire che avremmo potuto affrontarlo nel tempo, insieme, e affrontare le questioni più profonde alla base della disforia di genere (come depressione, ansia e problemi di relazione).

Cosa ti avrebbe fermato?

Ciò che mi avrebbe fermato sarebbe stato un percorso con un fidato professionista della salute mentale, come un terapista, che pazientemente ,nel tempo ,mi avesse aiutato a risolvere i miei problemi prima di iniziare qualsiasi trattamento medico. Non so se avrebbe completamente fermato il mio cervello impulsivo di ventenne,ma lo avrebbe rallentato e mi avrebbe aiutato a vedere come i problemi più profondi e come l’autismo, le dinamiche familiari, la depressione, ecc., fossero una causa dei problemi di genere . Avere misure di salvaguardia da parte di professionisti mi avrebbe rallentato mentre trattavo i miei problemi di salute mentale. Avere una persona sicura da amare che si prendesse cura di me come donna probabilmente mi avrebbe impedito di sentire che la transizione era necessaria per essere amata o desiderata.

Cosa hai avuto bisogno di sentire dai tuoi genitori o da chiunque altro?

Avevo bisogno di sentire che ero degna di amore, abbastanza brava e che potevo avere successo come la donna che ero, nonostante fossi autistica, strana o bisognosa di affetto , ecc. Avevo bisogno di sentire che la mia disforia di genere era causata da altri problemi e che era un sintomo di altre cose, e poteva essere trattata con mezzi diversi dalla transizione.

Qualche altro consiglio?

Aiuta i tuoi figli a crescere insegnando loro a seguire i loro punti di forza, mentre costruiscono resilienza contro le loro debolezze. Se sei insicuro, esamina perché e affronta questi problemi alla radice, piuttosto che infilarti in questioni di genere che sono solo un sintomo di altre condizioni o fattori sociali. Se hai contribuito ai problemi di tuo figlio, ritieniti responsabile di questo e lavora su te stesso e sulle dinamiche familiari prima di dare tutta la colpa  al bambino. Ricorda che, anche se passano o si identificano come trans, sono ancora lo stesso bambino di sempre e dovresti trattarli come tali. Sii lì per loro, qualunque cosa accada, specialmente se fanno la transizione, perché avranno bisogno di una persona sicura che li guidi in tempo. Man mano che invecchiano e diventano più maturi, probabilmente capiranno chi sono e avranno bisogno di una persona sicura che sia lì per amarli e ascoltarli, non di farli vergognare se decidono di detransizionare.

Ti potrebbe interessare anche

Perché non mi hanno fermata?

La trappola della disforia di genere

Sentirsi un impostore – prima, durante e dopo la transizione

Derubata così tante volte